Politica

Scossone in casa Fratelli d'Italia, Filippo Zilli si è dimesso da consigliere. Subentra Ada Di Campi

Lungo addio per Filippo Zilli, già vice commissario provinciale del partito di Giorgia Meloni: "Voglio ringraziare i quasi 700 riminesi che mi hanno accordato la loro fiducia alle ultime elezioni"

"In data odierna ho rassegnato le dimissioni dalla carica di Consigliere Comunale del Comune di Rimini". Inizia così il comunicato a firma di Filippo Zilli, vice commissario provinciale di Fratelli d'Italia. Punto di riferimento a palazzo Garampi nelle fila del partito di Giorgia Meloni. E' un vero e proprio scossone all'interno della minoranza riminese. "Non è stata una scelta facile da prendere, dopo ormai 7 anni che sedevo su quei banchi - svela Zilli -. Ma la ritengo quella giusta. Ricordo ancora la gioia della prima elezione nel 2016 quando ho riportato dopo anni il cognome Zilli in consiglio a Rimini, seguita poi dalla rielezione del 2021. Grandi soddisfazioni che hanno pagato il duro lavoro e i tanti sacrifici fatti negli anni".

"Oggi mi vanto di esser parte, anche in qualità di vice commissario provinciale dell’onorevole Montaruli, di Fratelli d’Italia, che è primo partito per numeri e importanza, con proiezioni al 30%, ed è al Governo della nostra amata Nazione, per la quale si lavora costantemente giorno e notte. Far parte di un qualcosa di così importante comporta anche maggiore responsabilità e coraggio da coloro i quali hanno ruoli e compiti, amministrativi e dirigenziali. Ed io oggi, dimettendomi, ho scelto di lasciar spazio", svela Zilli.

"Non ho mai creduto negli incarichi multipli, ma sempre nella divisione dei ruoli. E’ necessario un ricambio in politica, è necessario saper voltare pagina a volte, per noi, per il partito che rappresentiamo e soprattutto per i cittadini a cui chiediamo fiducia, cosi da avere maggiori energie per i propri compiti. Da qui la imminente riorganizzazione di Fratelli d’Italia, che dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno, cosi come dichiarato a Roma alla scorsa Assemblea Nazionale, con l’indizione di Congressi Comunali e Provinciali su tutto il territorio, che daranno nuova linfa e vitalità al partito, attribuendo incarichi e compiti".

"Quella delle dimissioni ribadisco è una scelta personale, dettata dalla serietà e coerenza - prosegue Filippo Zilli -. Lo avevo già dichiarato prima delle elezioni che, in caso di sconfitta, avrei lasciato a metà mandato dando spazio a qualcun altro cosi da farlo crescere come Amministratore Pubblico. Il tempo a disposizione è sempre meno nelle nostre vite e, tra partito, lavoro e famiglia, ne rimane davvero poco. Ho quindi ritenuto giusto lasciare il mio posto a chi potrà dare maggior impegno nell’esercizio del ruolo".

"Per il futuro invece, chissà. La politica fa parte di me, e l’obiettivo rimane sempre lo stesso. Vincere a Rimini portando alla nostra città un Governo di Centro Destra. Voglio ringraziare i quasi 700 riminesi che mi hanno accordato la loro fiducia alle ultime elezioni, i quali sanno benissimo che il mio impegno non termina solo perché non siederò più all’interno del consiglio, anzi, paradossalmente potrà essere maggiore e meglio indirizzato. Le battaglie, è vero, si fanno dall’interno, ma vi assicuro che le più importanti si fanno dall’esterno del Palazzo. Questo è sempre stato il mio credo e il modo in cui ho svolto la mia attività da consigliere".

E in conclusione Filippo Zilli dice: "Ringrazio e saluto pubblicamente tutti i Consiglieri, oltre alla giunta e al sindaco Sadegholvaad, ed in particolar modo i colleghi di partito Renzi, Marcello e Spina, a cui auguro di proseguire le tante battaglie in sintonia, e faccio i migliori auguri alla dottoressa Ada Di Campi che prenderà il mio posto, certo che saprà dare del filo da torcere all’amministrazione del Partito Democratico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scossone in casa Fratelli d'Italia, Filippo Zilli si è dimesso da consigliere. Subentra Ada Di Campi
RiminiToday è in caricamento