Scuola, Montevecchi (Lega): "Servono azioni concrete per la ripartenza e un investimento per i tamponi"

Il consigliere regionale presenta un'interrogazione alla Giunta e chiede che vengano resi pubblici i dati che riguardano il tracciamento dei contagi nelle scuole di ogni ordine e grado

Una serie di azioni concrete da mettere in campo entro il prossimo 25 gennaio, data in cui dovrebbe ripartire il settore scolastico con la didattica in presenza. Lo chiede Matteo Montevecchi (Lega) primo firmatario di un'interrogazione a cui hanno aderito anche i colleghi Andrea Liverani, Fabio Bergamini, Matteo Rancan e Valentina Stragliati.

Sottolineando come "la scuola non meriti decisioni prese alla giornata o meri annunci di riapertura per poi essere smentite e disattese pochi giorni dopo", l'esponente leghista auspica che entro il prossimo 25 gennaio vengano messi in atto "tutti i tavoli di coordinamento per sopperire definitivamente ai problemi emersi nei mesi scorsi, al fine di garantire certezze ai soggetti coinvolti: famiglie, studenti e insegnanti".

In particolare, il consigliere riminese chiede alla Giunta se intenda valutare un ulteriore investimento finanziario per la messa a disposizione di tamponi veloci per le classi in caso di contagio e se "voglia promuovere presso ogni plesso scolastico la presenza di volontari, adeguatamente formati, che potrebbero occuparsi dell'esecuzione dei test diagnostici in alternativa al servizio pubblico o alle farmacie, se non sufficienti".

Oltre a queste domande, Montevecchi auspica anche che vengano resi pubblici i dati che riguardano il tracciamento dei contagi nelle scuole di ogni ordine e grado a cui si dovrebbe aggiungere anche uno "specifico impegno del presidente Bonaccini, in qualità di Presidente della Conferenza Stato Regioni, per chiedere di mantenere aperti i tavoli di coordinamento provinciali coinvolgendo anche i presidenti dei consigli di istituto in rappresentanza dei genitori e le organizzazioni sindacali interessate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento