menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si torna sui banchi, il sindaco Pironi: "C'è clima di grandi difficoltà"

L'anno scolastico, dice il sindaco di Riccione, “inizia in un clima di grandi difficoltà, in ragione della scarsità di risorse economiche, e con un senso di stanchezza e scoramento in chi lavora e opera nella scuola”

L'anno scolastico 2011-2012 “inizia in un clima di grandi difficoltà, in ragione della scarsità di risorse economiche, e, quel che è anche peggio, con un senso di stanchezza e scoramento in chi lavora e opera nella scuola”. Così il primo cittadino di Riccione, Massimo Pironi, in occasione del primo giorno di scuola. La Perla Verde, dice Pironi, “ha fatto una scelta di campo importante: non ridurre impegno e risorse nel settore dei servizi alla persona e della scuola”.

L'obiettivo è “mantenere e consolidare la qualità dei servizi ai cittadini”. “Un altro impegno mantenuto – ha continuato il sindaco - è quello relativo alle infrastrutture, gli adeguamenti e le manutenzioni. Le nuove aule a San Lorenzo sono regolamente pronte per l’inizio dell’anno. Sono terminati i lavori svolti nella palazzina della Geat, che hanno interessato una superficie di circa 400 metri quadranti per la realizzazione di uno spazio da adibire a laboratorio per le attività didattiche della  scuola secondaria di 1° grado “Geo Cenci”, che i ragazzi potranno utilizzare sin dall’inizio del nuovo anno scolastico”.

I lavori alla copertura della palestra di via Alghero, ha proseguito il primo cittadino, “sono già ultimati, anche se ci vorrà  ancora qualche settimana per i collaudi amministrativi. I lavori di costruzione della nuova scuola media nell’area ex Fornace sono stati avviati e si lavora per mantenere la scadenza del prossimo anno scolastico, anche se i tempi sono molto ristretti e probabilmente andranno rivisti”. Per Pironi è motivo d'orgoglio “essere riusciti a mantenere questi impegni, anche in un momento in cui si sente solo parlare di tagli e sacrifici, quasi sempre, e per intero, rivolti alle fasce più deboli della popolazione”.

C'è soddisfazione anche per “aver rafforzato la nostra struttura di coordinamento pedagogico, grazie alla quale Riccione è stata riconosciuta come punto di riferimento pedagogico anche dai Comuni di Coriano e Cattolica. Il consolidamento di questa struttura di coordinamento è quello che ci consente oggi non solo economie di gestione, ma anche di dare vita a nuovi servizi, quali lo Sportello psicopedagogico di servizio alle famiglie e agli insegnanti. Credo, quindi, che possiamo permetterci di essere fieri dei risultati raggiunti, che ci rendono senz’altro degni della storia e nomea di grande qualità dei nostri servizi educativi”.


Sono numeri importanti quelli per l'istruzione riccionese. Quest’anno i nidi comunali accolgono 236 bambini, le scuole dell’infanzia comunali 525, le scuole dell’infanzia statali 191, le scuole dell’infanzia private 317.  Passando alle elementari, le scuole primarie statali accolgono 1379 ragazzi, di cui 270 di prima classe; le scuole primarie private accolgono 353 bambini, di cui 78 di prima classe. Sono 963 gli studenti delle medie, di cui 336 di prima classe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento