Sdoppiamento istituto comprensivo di Bellaria, Piva (Pd): "Spreco di risorse"

Lo “sdoppiamento” dell’istituto scolastico comprensivo di Bellaria-Igea Marina è al centro di un’interrogazione presentata in Regione da Roberto Piva (Pd)

Lo “sdoppiamento” dell’istituto scolastico comprensivo di Bellaria-Igea Marina è al centro di un’interrogazione presentata in Regione da Roberto Piva (Pd). Dal prossimo mese di settembre – riferisce il consigliere – ci saranno formalmente due istituti comprensivi. Mentre il numero complessivo delle classi dei docenti dei ragazzi e soprattutto delle aule rimarrà sempre lo stesso, lo sdoppiamento imporrà nuovi costi aggiuntivi per un nuovo dirigente, un nuovo direttore amministrativo, una nuova segreteria, l’archivio ecc.

“Un evidente spreco di risorse - commenta – in un momento in cui la spesa per la scuola dovrebbe essere indirizzata ad un potenziamento delle attività didattiche, alla manutenzione degli edifici fatiscenti e della loro messa in sicurezza”. “Non si comprendono i motivi della scelta – afferma l’esponente del Pd - dal momento che a Bellaria l’istituto conta circa duemila studenti, ma manca una nuovo edificio scolastico in grado di dare concretezza allo sdoppiamento avviato e, dopo la decisione dell’amministrazione di costruire un nuovo complesso scolastico, invece che ampliare l’istituto Ferrarin, ad oggi non esiste né un sito, né tantomeno un progetto per la costruzione del nuovo plesso che dovrebbe sostituire la cosiddetta ‘Ternana’ che l’amministrazione metterà in vendita”.

Per tali motivi il consigliere chiede alla Giunta regionale se sia a conoscenza del percorso in atto e se non ritenga più opportuno razionalizzare la spesa per la scuola e subordinare tale scelta alla realizzazione di un nuovo plesso scolastico. Piva infine domanda all’esecutivo regionale se non ritenga che sdoppiare l’istituto comprensivo possa peggiorare l’offerta formativa per i giovani del territorio interessato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento