Sergio Pizzolante (Ncd) appoggia il premier Renzi: "Serve movimento politico nuovo"

Sulla questione è intervenuto Gennaro Mauro: "Le dichiarazioni dell'onorevole Pizzolante sgombrano il campo da ogni equivoco, chiariscono definitivamente che a Rimini l'Ncd si prepara a schierarsi con il centrosinistra alle prossime elezioni comunali del 2016"

Sergio Pizzolante, vice presidente dei deputati del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc) e coordinatore regionale per l'Emilia Romagna del Nuovo Centrodestra, sostiene il premier Matteo Renzi. "In modo diverso, due consiglieri comunali di Rimini, lasciano NCD e mi accusano di avere un progetto per la costruzione di una collaborazione strategica e duratura fra l'area moderata e liberale e Renzi - esordisce il parlamentare -. NCD e poi Area Popolare, il gruppo parlamentare che ha inglobato NCD, Udc e pezzi di Scelta civica, sono arrivati alla conclusione della loro funzione( aver salvato il Paese dopo le elezioni politiche senza vincitore, durante la più' grande crisi economica della storia)".

"Ora e' necessario creare un movimento politico nuovo, di cultura liberale che collabori con Renzi per cambiare l'Italia. Da una fase emergenziale e confusa bisogna arrivare a costruire un'alleanza esplicita e strategica - prosegue -. Non si può più dire, secondo me non lo si doveva dire nemmeno prima, "facciamo le riforme con Renzi ma siamo alternativi a Renzi". Quando con Renzi eliminiamo l'art 18 e l'Irap sul lavoro, facciamo il Job Act, la decontribuzione per i neo assunti, la riforma della scuola, la responsabilità' civile dei Magistrati, il bonus bebè, la riforma elettorale e nel prossimo futuro, l'eliminazione di Imu e Tasi e la riduzione delle tasse sulle imprese, non siamo noi che diventiamo alternativi a Renzi ma e' il Presidente del Consiglio che, con noi, realizza un programma liberale e diventa alternativo alla vecchia sinistra, alla Ditta di Bersani e D'Alema".

"Non vedere questa nuova realtà significa avere addosso giganteschi paraocchi - prosegue -. Per fare cosa poi? Ricostruire il Centro Destra con Salvini leader? Con la Lega che ha infestato il Paese di un pensiero negativo e mortifero su immigrazione, euro ed Europa? Con l'ultima Forza Italia dell'ultimo Berlusconi che in due anni ci ha portato prima all'accordo con il Pd di Bersani ( di Bersani non di Renzi), per poi rompere l' alleanza sulla quale avevamo chiesto a Napolitano di ricandidarsi, per fare poi il Patto del Nazzareno per scioglierlo nel nulla e tentare ancora di rifarlo in questi giorni? Io sono stato eletto nel PdL, e' vero, ma all'accordo con il Pd ci ha portato Berlusconi ed adesso bisogna far cadere il governo nel momento in cui sviluppa il programma che con Berlusconi non siamo mai riusciti a realizzare?"

"E su Berlusconi - aggiunge - occorre dire parole chiare. Ci ha salvato nel 94, un merito storico. E' un perseguitato, come molti in questo Paese ormai, dalla cattiva giustizia di pochi pm che hanno debordato dalla loro funzione. E' necessario dire anche che la sua, la nostra, rivoluzione liberale e' fallita. Dovevamo abbattere la burocrazia e cambiare il rapporto fra il cittadino e lo Stato; abbiamo la burocrazia più invadente di sempre. Dovevamo abbassare le tasse, non son mai state così alte e opprimenti. Dovevamo cambiare la giustizia, i magistrati ormai dominano la scena politica ed economica. Di più', l'inversione dell'onere della prova, nel rapporto fra cittadino e Stato, ed Equitalia e le norme premianti a favore dell'Agenzia delle Entrate contro i cittadini e le imprese, sono invenzioni di Tremonti, ministro di Berlusconi e principale alleato allora, della Lega".

"La vecchia sinistra era peggio - prosegue -. Ma quella sinistra, la Ditta, l'ha sconfitta Renzi, non Berlusconi. Questa e' la realtà per chi vuol vederla. Oggi io vedo solo tre opzioni politiche: un giovane leader di Governo,Renzi, un giovane leader populista e sfascista, Salvini e un giovanissimo leader anti sistema e avventuriero, Di Maio. Per i miei figli e fra poco, per mio nipote, non ho dubbi su dove bisogna stare. L'area moderata e liberale deve organizzare un progetto politico nuovo per chi sceglie Renzi e le riforme ma non vuol votare il Pd. Vale almeno 10-15 punti percentuali. Tutto molto difficile, ma e l'unica cosa per la quale vale la pena impegnarsi. Si può fare anche a Rimini, non lo so ancora. Ma sarebbe l'unica cosa per la quale potrei impegnarmi".

MAURO - Sulla questione è intervenuto Gennaro Mauro: "Le dichiarazioni dell'onorevole Pizzolante sgombrano il campo da ogni equivoco, chiariscono definitivamente che a Rimini l'NCD si prepara a schierarsi con il centrosinistra alle prossime elezioni comunali del 2016.  Ribadisco che si tratta di una prospettiva che tradisce le aspettative di tantissimi iscritti, simpatizzanti e amministratori locali riminesi avevano riposto nell'ambizioso progetto di creare una nuova area dei moderati di centrodestra. Prendo atto che si vuole riproporre per Rimini quello che non è riuscito a Riccione, un'alleanza con il Partito Democratico di Ubaldi, nella speranza che Gnassi si sbarazzi dell'ala sinistra del suo partito.  Un segnale di chiaro trasformismo politico che sarà bocciato dall'elettorato moderato di centrodestra riminese".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FORZA ITALIA - "Pizzolante - affermano da Forza Italia Rimini - ha proseguito in un cammino politico, iniziato ormai da lungo tempo, che è naturalmente sfociato in una dichiarazione di fiducia a Matteo Renzi e al suo Governo. Ncd ha solamente proseguito in una virata a sinistra già intrapresa e quindi la notizia non ci ha colto con particolare sorpresa. Qualche appunto possiamo farlo relativamente alle motivazioni che hanno portato l'On. Pizzolante a prendere questa decisione. Contestiamo innanzitutto il merito che l'ala fuoriuscita da Forza Italia si prende nell'avere salvato il Paese, quando l'unica cosa che ha salvato con certezza è il Governo Renzi. Tutti gli indicatori economici sono peggiorati dalle dimissioni di Berlusconi da Presidente del Consiglio, quindi non possiamo (dati alla mano) condividere che Ncd abbia salvato le sorti della Nazione. Il riferimento alla rivoluzione liberale e al suo fallimento poi necessitano di una doverosa precisazione: nei 21 anni dalla nascita di Forza Italia, la sinistra ha governato per ben 12. La stessa sinistra a cui ora Pizzolante e Ncd si rivolgono, rivendicando l'attuazione di un programma Berlusconiano. Chi vuole realizzare un programma di questo tipo ha come casa naturale il centro-destra e Forza Italia che infatti è saldamente all'opposizione del Pd e richiederà anche ai suoi candidati una simile chiarezza e trasparenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Party in spiaggia, due 15enni violentate dall'amico

  • Padre di famiglia cerca una lucciola ma si trova a letto con un trans, parapiglia nel residence

  • Forte vento e un veloce temporale faranno abbassare le temperature

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

  • Coronavirus, 7 nuovi casi nel riminese: quattro rientrati dall'estero

  • Positivo al Covid abbandona l'isolamento fiduciario e gira mezza Italia in treno

Torna su
RiminiToday è in caricamento