"Sgomberare dagli occupanti l’ex albergo Aurum di Viserba per ristabilire la legalità"

Lotta al degrado del consigliere comunale Gioenzo Renzi (FdI) che punta il dito contro la struttura diventata ricettacolo di sbandati

Nonostante nel gennaio del 2017 il Comune di Rimini avesse preparato un'ordinanza urgente per lo sgombero dell'ex hotel Aurum, nel cuore di Viserba sul lungomare, dove avevano trovato rifugio un gruppo di sbandati che bivaccavano all'interno tutto è rimasto tale e quale. Anche oggi, a sentire i racconti di chi abita nella zona, la struttura fatiscente è occupata da stranieri che dormono in giacigli di fortuna e in condizioni igieniche precarie. A chiedere di porre fine a questa situazione di degrado è il consigliere comunale di Fratelli d'Italia, Gioenzo Renzi, che torna all'attacco puntando il dito contro l'amministrazione. "L'immobile - tuona l'esponente di FdI - in inverno è occupato da 10 o 15 africani che, in estate, diventano 70 o 80".

Renzi ripercorre la storia della struttura, che ha cessato la sua attività alla fine del 2003, e che a distanza di 13 anni era stata visitata dall'Ausl-Dipartimento Sanità pubblica di Rimini e dai carabinieri. In seguito a quel sopralluogo si era evidenziata "una situazione di grave degrado igienico sanitario in tutta la struttura ( sporco diffuso, insetti striscianti, rifiuti ingombranti, intonaci cadenti ecc. ) che inibisce le condizioni di abitabilità degli ambienti, tale da costituire un pericolo di danno grave e imminente per gli occupanti e per la salute pubblica” e proposto, alla luce delle condizioni riscontrate, "l’emissione di un provvedimento finalizzato allo sgombero dell’immobile”. Il sindaco avev così firmato un'ordinanza, nel gennaio del 2017, che imponeva lo sgombero entro 20 giorni di tutti gli occupanti dell’ex struttura ricettiva. "Dopo due mesi - ricorda il consigliere comunale - il proprietario per l’inottemperanza della Ordinanza Sindacale era stato denunciato, anche se ragionevolmente era impossibile ad  un privato sgomberare il suo immobile da decine di occupanti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono però, trascorsi altri due anni - sottolinea Renzi - senza applicare il dispositivo dell’Ordinanza Sindacale che demandava 'al Comando di Polizia Municipale, in caso di inottemperanza, di concordare con l’Ufficio Igiene e Sanità le procedure necessarie per promuovere l’esecuzione coattiva ed in particolare la richiesta di intervento della Forza Pubblica per consentire l’accesso all’immobile'. Le giustificazioni, secondo la risposta dell’assessore Jamil Sadegholvaad alla mia interrogazione consigliare di ieri sera, sarebbero gli eventuali problemi di ordine pubblico sollevati nel Comitato per l’Ordine e la sicurezza. Il Comune dovrebbe trovare una sistemazione logistica alternativa agli occupanti prima di effettuare lo sgombero. E’ incomprensibile questa condizione o richiesta posta al Comune, o diritto degli occupanti, quasi tutti venditori abusivi. Pertanto, ho chiesto all’Amministrazione Comunale di riportare sul tavolo della Prefettura l’urgenza dello sgombero degli occupanti dell’ex Hotel Aurum, (ora solo una decina) per ristabilire dopo anni la legalità ed eliminare il degrado d’immagine e igienico sanitario nel centro turistico di Viserba". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Trucca lo scontrino per pagare meno la spesa, denunciato per truffa

  • Sacerdote riminese allontanato dalla diocesi, su di lui indagine per droga e pedopornografia

  • Grave incidente nella notte, un ferito ricoverato in Rianimazione

  • Nuovi casi di Covid-19 tutti asintomatici, decisa regressione dell'epidemia

  • Coronavirus, il bollettino: l'attività di screening scopre due positivi asintomatici

Torna su
RiminiToday è in caricamento