rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Sicurezza, la Lega attacca Gnassi: "Non ha più scuse, strumenti e risorse per ripulire Rimini"

Il consigliere Zoccarato brinda al Decreto Salvini in materia di sicurezza e immigrazione che, anche in città, “porterà tante novità"

“Un atto dovuto. Un provvedimento che per la prima volta mette al centro dell’azione politica di un Governo la sicurezza non solo degli italiani, ma anche quella dei tantissimi stranieri regolari che vivono e lavorano con onestà nei nostri Comuni.” Così il consigliere comunale della Lega Matteo Zoccarato definisce il Decreto Salvini in materia di sicurezza e immigrazione che, anche a Rimini, “porterà tante novità e, se correttamente applicato, l’opportunità di cambiare il volto della nostra città. Ci troviamo di fronte a un provvedimento che nella sua complessità spazia a tutto campo nella trattazione degli aspetti più delicati dell’emergenza sicurezza e immigrazione, fornendo alle nostre Forze dell’Ordine e agli Amministratori locali le risorse e gli strumenti necessari per dare una risposta concreta alla richiesta di maggior sicurezza avanzata con insistenza in questi anni dai nostri cittadini”.

Zoccarato sviscera una parte dei contenuti del Decreto Salvini tra i quali “lo stanziamento di preziosissime risorse per lo scorrimento delle graduatorie e l'assunzione di nuovi vigili urbani che andranno a potenziare l’organico in dotazione nei nostri Comuni e potranno servirsi, nell'espletamento delle loro funzioni, del taser. C’è poi l’inasprimento delle pene per maltrattamenti e stalking e l’utilizzo del braccialetto elettronico per coloro che ne saranno imputati. Non ci dimentichiamo dell'introduzione del reato di accattonaggio molesto, che ‘supera’ l’inefficacia dello strumento della sanzione amministrativa e dispone il fermo del parcheggiatore abusivo colto in flagranza di reato per la seconda volta. Insomma – conclude il consigliere della Lega –  Gnassi ha l’opportunità politica, attraverso gli strumenti messi a disposizione dal Decreto Salvini, di ripulire questa città. Se non lo farà, a risponderne sarà la sua persona e il suo partito.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, la Lega attacca Gnassi: "Non ha più scuse, strumenti e risorse per ripulire Rimini"

RiminiToday è in caricamento