Lunedì, 27 Settembre 2021
Politica

Sicurezza sulla spiaggia di Rimini, Sensoli (M5S): "Misure per far si che non si ripeta"

L'onorevole Palmizio (FI), punta il dito sulla mancata sicurezza della città e sulla carenza di organico delle forze dell'ordine

Anche Forza Italia, per voce dell'onorevole Palmizio, punta il dito sulla mancata sicurezza di Rimini e sulla carenza di organico delle forze dell'ordine oltre a chiedere pene certe per gli autori dei crimini. "La violenza e lo stupro di gruppo avvenuti a Rimini sono aberranti - spiega in una nota stampa. - Sono stati scritti fiumi di parole; solidarietà, disgusto, collera, compassione sono i sentimenti che hanno colpito ognuno di noi. Ma non si poteva davvero evitare? Ma soprattutto come possiamo prevenire? Era il 30 giugno quando ho raccolto l’appello del SIAP , sindacato di Polizia, ed ho interrogato il Ministro dell’Interno per segnalare una forte criticità proprio sulla città di Rimini. Il Siap evidenziava che le misure ad hoc previste per l'estate riminese sarebbero state attive, in sostanza, solo tra il 20 luglio ed il 20 agosto 2017 ed a mia volta segnalavo il problema al Ministro. Si precisava inoltre la mancanza di personale sufficiente a garantire la sicurezza sulla Riviera romagnola".

"Successivamente - prosegue Palmizio - in data 10 luglio, ho sollecitato ancora il Ministro dell’interno con una interrogazione  più generale sul piano di chiusura di 251 presidi della polizia di Stato  chiedendo se il Governo non intendesse sospendere il prospettato e ad a mio avviso «feroce» progetto di chiusura selvaggia degli Uffici di polizia e procedere, invece, ad una riforma seria che conducesse ad una razionalizzazione ragionevole e concordata del sistema della sicurezza italiana. A tutt’oggi non ho ricevuto risposta alcuna. La sicurezza percepita ed oggettiva è sempre meno, i fatti di violenza più o meno grave si susseguono in special modo ad opera di cittadini stranieri. Sia chiaro che a me non interessa il colore del “Mostro” ma mi pongo domande quando un “mediatore culturale” dichiara su un social che lo stupro è brutto solo all’inizio e poi la donna si calma. Questa è istigazione alla violenza, sono valori culturali che non ci appartengono e che dobbiamo respingere. Mi rivolgerò ancora al Ministro, le segnalazioni che arrivano dal territorio devono essere ascoltate, le forze dell’ordine devono essere sostenute e implementate ma soprattutto deve passare un messaggio preciso: in Italia delinquere è un reato e il reato deve essere punito con la certezza della pena e/o con l’espulsione immediata".

===> Segue

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza sulla spiaggia di Rimini, Sensoli (M5S): "Misure per far si che non si ripeta"

RiminiToday è in caricamento