Spese di giustizia, il deputato Arlotti interroga il ministro Orlando

"Mentre al Tribunale di Rimini manca un terzo del personale, è paradossale che il Ministero della Giustizia spenda quasi 300mila euro per farvi installare un’opera d’arte". E’ il senso dell’interrogazione presentata al ministro Andrea Orlando dal deputato Pd riminese Tiziano Arlotti

"Mentre al Tribunale di Rimini manca un terzo del personale, è paradossale che il Ministero della Giustizia spenda quasi 300mila euro per farvi installare un’opera d’arte". E’ il senso dell’interrogazione presentata al ministro Andrea Orlando dal deputato Pd riminese Tiziano Arlotti, che prende spunto dal recente bando di concorso fra artisti approvato dal Comune di Rimini (in veste di esecutore per conto dello Stato) per la realizzazione di un’opera d’arte destinata al parcheggio del Palazzo di Giustizia, i cui lavori sono ufficialmente terminati nel 2011 con il collaudo. Il progetto dell’opera d’arte, finanziato dal ministero, è legato ad una legge del 1949 che dispone che “le Amministrazioni dello Stato, anche con ordinamento autonomo, nonché le Regioni, le Province, i Comuni e tutti gli altri Enti pubblici, che provvedano all’esecuzione di nuove costruzioni di edifici pubblici devono destinare all’abbellimento di essi, mediante opere d’arte, una quota della spesa totale prevista nel progetto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo accade mentre la Legge di Stabilità 2015, osserva Arlotti, prevede che dal 1° settembre 2015 le spese obbligatorie di funzionamento per gli uffici giudiziari, attualmente a carico dei Comuni (e parzialmente rimborsate dallo Stato) saranno trasferite al ministero della Giustizia per ridurre gli oneri finanziari a carico degli Enti locali e, più in generale, nell'ambito del processo di razionalizzazione della spesa pubblica. “Sino ad allora rimangono a carico dei Comuni, che dovranno far fronte a pesanti impegni di bilancio nell’approvazione del previsionale 2015, potendo fare affidamento soltanto su una parziale loro successiva copertura a titolo di contributo statale”. Pare dunque assurdo che da un lato si spinga per la razionalizzazione delle spese di Giustizia, e dall’altro il Ministero spenda per opere d’arte mentre nei tribunali manca l’organico, conclude Arlotti, che aveva già interrogato Orlando su quest’ultimo punto. Il deputato chiede quindi di rivedere le previsioni della Legge 717/1949 nell’ottica di ridurre i costi, valutare attentamente le spese e introdurre una maggiore sobrietà nella scelta ed esecuzione di opere pur importanti dal punto di vista artistico e del significato simbolico per la collettività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento