Targhe estere: Nadia Rossi chiama in causa il Governo: “Nelle aree di confine c’è il caos”

Il consigliere Pd: "Un impiccio per qualcuno, un problema di grave entità per chi, come tanti riminesi o tanti sammarinesi, vive e lavora a cavallo tra gli Stati"

Sanzioni pecuniarie, fermo immediato del veicolo e obbligo di una nuova immatricolazione: è questo che dal 4 dicembre 2018 capita a chi risiede in Italia da almeno 60 giorni se viene trovato alla guida di un veicolo con targa straniera. L’argomento è stato trattato oggi in Assemblea legislativa regionale a seguito di un’interrogazione urgente presentata dai consiglieri Pd Giorgio Pruccoli e Nadia Rossi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non si può guidare l’auto aziendale se il datore di lavoro l’ha fatta immatricolare fuori dall’Italia, non si può condurre neanche il mezzo di un parente o un amico se la targa non è italiana - dichiara Nadia Rossi. - Il legislatore nazionale intendeva colpire chi, utilizzando mezzi immatricolati all’estero, voleva evitare di pagare multe o non rispettava gli obblighi per assicurazione e fisco. Un impiccio per qualcuno, un problema di grave entità per chi, come tanti riminesi o tanti sammarinesi, vive e lavora in zone di confine. Il governo fu prontamente e formalmente interrogato a riguardo dal deputato Pd Marco di Maio, a metà dicembre. Il 9 aprile il sottosegretario Jacopo Morrone ha abbozzato una risposta vaga, che non ha portato a nessun risultato visto che ancora non registriamo provvedimenti specifici a livello legislativo o ministeriale. Un terzo dei lavoratori di San Marino viene dalla provincia di Rimini, due sammarinesi su tre lavorano nella nostra provincia. La questione, e mi limito al nostro caso territoriale ma vale anche per le zone di confine con la Svizzera, riguarda quindi alcune migliaia di persone e decine di aziende che vogliono lavorare, non agire con furbizia ai danni dello Stato. Ecco perché lo Stato deve finalmente farsi carico della questione e la Regione Emilia-Romagna è pronta a sollecitare il Governo perché lo faccia e si occupi di questione concrete e non ideologiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento