Tassazione sulla casa, "per superare il caos servono federalismo e riforma del catasto”

"La tassazione sulla casa deve diventare di natura realmente federale, evitando finalmente di dover intervenire su un'imposta che viene decisa e formulata al centro, ma che viene poi amministrata e gestita “in periferia”"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

“L'emendamento al decreto Enti locali annunciato dal Governo in materia di Tasi-Imu è un passo in avanti che va nella direzione giusta, ma restano ancora aperte altre questioni se si vuole superare il caos nei tributi sugli immobili e dare risposte concrete ai nostri Comuni impegnati nella difficilissima redazione dei bilanci. L'esecutivo non può costringere gli enti locali ad aumentare la pressione fiscale a carico delle famiglie e dei cittadini, e va sostenuta la richiesta dei nostri sindaci di reperire forme di prelievo differenti.

La tassazione sulla casa deve diventare di natura realmente federale, evitando finalmente di dover intervenire su un'imposta che viene decisa e formulata al centro, ma che viene poi amministrata e gestita “in periferia”. Anche per quel che riguarda la Tari i sindaci devono avere la piena libertà di decidere se coprire o meno al 100% il costo del servizio di raccolta e smaltimento. Non si può continuare a modificare la tassazione sugli immobili, inoltre, senza riformare il catasto.

Nella legge di delega fiscale che approderà in Parlamento nelle prossime settimane è inserita proprio la riforma del catasto, che intende correggere le sperequazioni delle attuali rendite, accentuate dall’aumento generalizzato del prelievo fiscale legato all'introduzione dell'Imu nel 2011. La riforma dovrà assicurare il coinvolgimento dei Comuni nel processo di revisione delle rendite, individuando anche specifici incentivi e forme di trasparenza, utilizzando criteri estimativi che consentano una valutazione vicina al valore di mercato.

La tassazione sulla casa è andata ad assumere negli anni una consistenza sempre più importante e lo sarà anche in futuro. Lavoreremo perciò affinché con la riforma del catasto si arrivi davvero ad un miglioramento della attuale situazione di diseguaglianze. Proprio per questo è fondamentale che nel nuovo patto di governo la delega fiscale sia una priorità”.

Torna su
RiminiToday è in caricamento