Un presidio in Prefettura contro gli arresti dei "No Tav"

Il gruppo riminese di Potere Al Popolo ha indetto un presidio in solidarietà agli arrestati "No Tav" e a Nicoletta Dosio "per l'amnistia sociale e contro i decreti sicurezza varati da Salvini"

Il gruppo riminese di Potere Al Popolo ha indetto un presidio in solidarietà agli arrestati "No Tav" e a Nicoletta Dosio "per l'amnistia sociale e contro i decreti sicurezza varati da Salvini".

"Il 30 dicembre Nicoletta Dosio, da sempre militante no Tav, membro del coordinamento nazionale di Potere al Popolo, è stata arrestata e portata in carcere alle Vallette. La sua colpa? Una manifestazione del 2012 in Val Susa, e più in generale la sua incessante lotta contro speculazione e devastazione. Il suo arresto, seppur vergognoso, non è certo un caso isolato: molti altri militanti hanno subito simili provvedimenti, e con lei in carcere sono ora Giorgio, Mattia e Luca - spiegano dalla sezione riminese - Da anni, infatti, il movimento no Tav è sistematicamente colpito da una repressione feroce. Limitazioni, obblighi di firma o di dimora e arresti, non sono riusciti – e mai riusciranno – ad arginare la legittima voce di una lotta popolare, che si batte per la democrazia sul territorio, contro le “grandi male-opere” e il loro impatto distruttivo per ambiente ed esseri umani, per un modello di sviluppo fondato sull’interesse di tutti e non sul profitto per pochi. Criminalizzare chi protesta è purtroppo un tratto distintivo del nostro paese: non solo i no Tav, ma chiunque si batta per il lavoro, per i diritti e per l’ambiente lo ha sperimentato sulla propria pelle. I Decreti Sicurezza varati da Salvini – oltre che distruggere la vita di tanti immigrati – hanno inasprito tremendamente le pene contro tutti noi, contro chi osa alzare la testa e contro chi tenta di cambiare le cose (e questo a prescindere di quale sia il colore della sua pelle). Giusto per fare un solo esempio, è quello che è accaduto solo pochi giorni fa ai lavoratori della tintoria “Superlativa” a Prato, che hanno ricevuto 84.000 euro di multa. La loro colpa? Aver protestato dopo non aver ricevuto lo stipendio, nonostante fossero costretti a lavorare in condizioni da schiavi. Insomma, puniti per aver fatto una cosa giusta dopo aver subito una ingiustizia: quello che faremmo tutti noi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pd, Movimento 5 stelle, Lega e via discorrendo: i governi cambiano, ma le differenze non si vedono - proseguono - Cambiano i nomi ma c’è una cosa che non cambia mai: il fatto che a esser punito e a subire la repressione siano sempre i “ribelli” che vogliono migliorare il mondo come Nicoletta, piuttosto che i “potenti” che vogliono – pur di continuare ad arricchirsi – distruggere i luoghi dove viviamo, (come in Val Susa) e schiacciarci sul nostro posto di lavoro (come a Prato). Ma solo chi lotta può davvero cambiare le cose. Per questo lottiamo per la immediata liberazione di Nicoletta e di tutti i militanti No Tav. Per questo vogliamo la cancellazione tutti i provvedimenti repressivi contro chi ha alzato la testa per difendere il futuro e i diritti di noi tutti. Per denunciare tutto questo, e per costruire solidarietà e rompere l’isolamento di quanti stanno pagando un prezzo altissimo, abbiamo organizzato presidi in tutta Italia nei giorni dell’arresto di Nicoletta e saremo davanti alla Prefettura di Rimini martedì 7 gennaio alle ore 18".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • Bimbo muore a nove anni, il sindaco: "Abbiamo perso tutti un pezzo di cuore, ci sarà il lutto cittadino"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento