Politica

Uscita di San Marino dalla black list, Arlotti sollecita il decreto

Il deputato riminese del Pd, Tiziano Arlotti, è intervenuto lunedì sera alla Camera per sollecitare l'emanazione del decreto per l'uscita della Repubblica di San Marino dalla black list

Il deputato riminese del Pd, Tiziano Arlotti, è intervenuto lunedì sera alla Camera per sollecitare l'emanazione del decreto per l'uscita della Repubblica di San Marino dalla black list. "Con l'approvazione all'unanimità da parte di Camera e Senato della legge di ratifica ed esecuzione della Convenzione tra la Repubblica Italiana e la Repubblica di San Marino per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi fiscali, entrata in vigore il 31 luglio dello scorso anno, si è aperta una nuova fase nei rapporti fra le due Repubbliche", ha esordito Arlotti.

"Altri importanti accordi e provvedimenti arriveranno entro pochi mesi in Parlamento per essere discussi e approvati - ha aggiunto l'esponente del Pd -. E' già incardinata al Senato la ratifica dell'accordo di collaborazione fra le due Repubbliche per il contrasto alla criminalità, a cui faranno seguito l'accordo in tema di cooperazione economica e quello di collaborazione finanziaria. Siamo di fronte ad accordi che contribuiscono a rinsaldare e rafforzare una lunga storia di amicizia e cooperazione fra Italia e San Marino. I due Stati proprio in questo 2014 celebreranno la ricorrenza del 75° anniversario della firma del Trattato di amicizia e buon vicinato, avvenuta il 31 marzo 1939, con la visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sul Titano".

Per il parlamentare riminese "risulta perciò incomprensibile che ancora il Ministero dell'Economia e delle Finanze non abbia provveduto ad emanare il decreto che sancisca la definitiva uscita della Repubblica di San Marino dalla black list. L'assenza del decreto penalizza fortemente l'economia: ricordo che l'interscambio commerciale fra le due Repubbliche è pari a 4,5 miliardi di euro, con un attivo di un miliardo a favore dell'Italia. Le ricadute negative di questo stallo pesano soprattutto sui territori e Regioni limitrofe, per cui San Marino rappresenta una grande opportunità di occupazione sia per lavoratori dipendenti (oltre 5500 lavoratori frontalieri italiani ogni giorno varcano i confini per prestare la propria opera sul Titano), sia per liberi professionisti e imprese italiane".

Quindi ha rivolto un appello al Ministro "affinché, anche in considerazione degli importanti recenti  pronunciamenti da parte di Ocse e Moneyval, tale decreto possa essere emanato al più presto. A fronte della rinnovata collaborazione e cooperazione fra i due Paesi, nel momento in cui l'economia fa intravvedere timidi segnali di ripresa, il provvedimento è quanto mai urgente e non più procrastinabile".

“L'uscita della Repubblica di San Marino dalla black list e la ripresa effettiva dei rapporti economici con l'Italia rappresentano un elemento strategico sia per Rimini che per il territorio regionale e l'intero paese - afferma la parlamentare Emma Petitti -. I rapporti fra i due Stati, dopo la ratifica della Convenzione sulle doppie imposizioni, sono destinati ad essere consolidati con i prossimi accordi e in questo quadro l'uscita dalla black list è il primo punto fondamentale per San Marino, che diventa valore aggiunto anche per Rimini".

"Le relazioni del nostro territorio con il Titano sono un patrimonio con una lunga storia, e abbiamo bisogno di poterle rafforzare ulteriormente per sostenere il reciproco sviluppo e per costruire nuovi rapporti economici, sociali e culturali - conclude -. E' assolutamente necessario, perciò, che da parte del Ministero dell'Economia venga emanato l'atteso decreto e si riempia un vuoto che dura da troppo tempo. In un momento così delicato per l'economia, ogni mese lasciato passare nuoce al rilancio del territorio”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uscita di San Marino dalla black list, Arlotti sollecita il decreto

RiminiToday è in caricamento