Vitali, allarme prostituzione: "Segno di degrado, servono leggi migliori"

Il presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali, interviene sulla annosa questione della lotta alla prostituzione, fornendo un suo punto di vista che parte comunque dal “rispetto verso le decisioni dei giudici"

“Francamente mi lascia perplesso il fatto che la giurisprudenza italiana continui a non attestare la pericolosità pubblica della prostituzione in strada”. Il presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali, interviene sulla annosa questione della lotta alla prostituzione, fornendo un suo punto di vista che parte comunque dal “rispetto verso le decisioni dei giudici, sempre e comunque”.

“Al di là delle analisi e delle ricerche, tutte convergenti sul fatto che dietro la piaga del meretricio vi siano racket gestiti dalla criminalità organizzata nazionale e internazionale – sostiene Vitali -, è evidente che questa attività illecita provochi allarme sociale e porti con sé un oggettivo problema di ordine pubblico”.

“Accade sulla costa riminese e in altre parti d’Italia – osserva il presidente -: là dove è fiorente questo fenomeno, si assiste a un innalzamento pressoché automatico del degrado e dell’insicurezza diffusa. Non è solo questione di cattiva immagine o di malinteso senso del pudore o di raccolte di firme e proteste da parte di cittadini e interi quartieri; quello che a me personalmente non convince è che criminalità, sfruttamento della persona, allarme sociale, degrado umano e urbano, non riescano ancora a trovare un chiaro deterrente legislativo, in linea soprattutto con la mutazione del fenomeno che non ha più nulla della romantica ‘traviata’”.

“Questo costringe Stato, forze di polizia, istituzioni, enti locali a cercare percorsi sanzionatori sperimentali, sul filo, proprio perché il contrasto materiale non è facile – prosegue Vitali -. Percorsi che, evidentemente, non tengono di fronte alla legge vigente. E siamo di nuovo daccapo. Cosa fare a questo punto? Ipotizziamo l’impossibile scenario di controlli su controlli di polizia, carabinieri, polizia municipale e magari di qualche ‘volontario’? Ci rassegniamo, considerando la presenza di prostitute un semplice ‘disturbo visivo’ per i bambini?”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento