Zoccarato (LN): “Sul campo nomadi tutto da rifare. Gnassi ritiri subito il progetto”

Dopo il caos in maggioranza sulle microaree, l'esponente della Lega Nord attacca la giunta

Nomadi, le microaree scendono da cinque a tre: via Cupa, via Feleto e via Montepulciano. E' aumentato a sette il numero delle famiglie sinte disposte a trasferirsi in appartamento, il totale dei nuclei da sistemare alla chiusura del campo di via Islanda era di 11. Salta la maggioranza in giunta dopo il "no" di Patto Civico con il capogruppo Mario Erbetta che lascia la riunione per protestare contro il nuovo piano del comune per la chiusura di via Islanda. Non gradisce che in ogni microarea individuata vada più di un nucleo familiare: sono quattro quelli da sistemare nelle casette di legno. “Nessun effetto sorpresa. Dopo l’ennesima crepa, la frattura è netta perché non solo è saltata la condivisione politica, peraltro già fragilissima, di questa maggioranza sull’urgenza di procedere allo smantellamento del campo di via Islanda e di parcellizzare le famiglie rom e sinti in un numero contenuto di microaree, ma è venuta meno la natura stessa del progetto. Anche perché – spiega il consigliere comunale della Lega Nord Matteo Zoccarato – nessuno di noi ha mai letto i dettagli di questa ripartizione.”

In una recente interrogazione, l’esponente del Carroccio riminese aveva infatti sottolineato che “nonostante le promesse di questa Giunta a rendere noto entro la fine di ottobre il progetto esecutivo, ad oggi non se ne è avuta più notizia”. Di qui l’esito più che prevedibile della riunione di ieri sera quando, dalle file della maggioranza, qualcuno ha cominciato a scalpitare facendo saltare il banco. “L’improvvisa virata del partito democratico – attacca Zoccarato – ha il retrogusto della classica manovra preelettorale. Probabilmente Gnassi ha pensato che ridurre il numero delle aree abitative destinate ai nuclei sinti, contenendo l’impatto sulle famiglie riminesi, comportasse una riabilitazione in corner del proprio partito. Peccato per lui che non sia così. La credibilità politica di questa Giunta è sottozero”.

A questo punto, per il consigliere del Carroccio “è tutto da rifare. Ma c’è di più – chiosa Zoccarato – se davvero, come sostengono alcuni esponenti del Pd, alcune delle famiglie coinvolte in prima battuta nel progetto delle microaree hanno deciso di vivere in appartamento, è necessario capire e informare i riminesi sulla natura di queste abitazioni. Non vorremmo infatti che per queste persone venisse adottato l’escamotage dell'emergenza abitativa come soluzione transitoria per l’assegnazione di alloggi di erp. Alla faccia delle decine di famiglie riminese che da anni attendono in graduatoria di poter usufruire di case popolari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento