rotate-mobile
social

Artisti creativi e food truck si incontrano tra le serre del Vivaio Pesaresi per Matrioška

Gli organizzatori la definiscono "una scelta “fuori dal gregge” da parte di chi per dieci anni ha portato a Rimini il design e l’artigianato più innovativo

A più di due anni dall’ultima edizione, sabato 20 e domenica 21 aprile è di nuovo Matrioška Lab Store. Dopo aver ridato vita a ex-dancing, macelli in disuso, colonie abbandonate, vecchie pensioni e magazzini industriali, Matrioška si sposta questa volta tra le serre del Vivaio Pesaresi a Corpolò, la località del Comune di Rimini che più si affaccia sulla Valmarecchia e l’Appennino. Una decisione che nasce da un richiamo che Matrioška ha sempre avvertito fin dalla primissima edizione, quello dello stare in natura, e dalla volontà di affermare, come del resto ha sempre fatto, che non esistono luoghi più o meno adatti agli eventi, ma solo organizzatori più o meno coraggiosi. 

Diciannove edizioni di Matrioška

Gli organizzatori la definiscono "una scelta “fuori dal gregge” da parte di chi per dieci anni ha portato a Rimini il design e l’artigianato più innovativo, coinvolgendo oltre 850 creativi da tutta Italia e decine di migliaia di visitatori; un evento spot, che non comporta per forza la necessità di riprendere con un calendario fisso e cadenzato di appuntamenti ma nasce semplicemente dalla volontà di tornare a proprio piacimento perché ispirati da uno spazio, dopo averne riqualificati più di una dozzina in diciannove edizioni". 

Creatività, mostre e spazio ai più piccoli

Per il ritorno sulle scene, Matrioška conferma la sua proposta e la arricchisce con diverse novità.  Non mancheranno ovviamente i manu-fatturieri, gli artigiani creativi da sempre cuore pulsante della manifestazione: sono più di 50, tra chi è presente dal primo appuntamento e chi è al debutto proprio nel weekend, arrivano da tutta Italia e sono a grande maggioranza donne. La loro produzione va dall’abbigliamento ai gioielli, dai complementi d’arredo ai giocattoli per bambini fino alla ceramica.

Come il souvenir dell’Est a cui si ispira per il nome, Matrioška contiene una lunga serie di eventi dentro l’evento. Sabato 20 e domenica 21 aprile le serre del Vivaio Pesaresi ospiteranno infatti due mostre: “Manifesto”, una serie di dieci parole per visualizzare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato a cura di Elisabetta Angeli, in arte Ineditart, e “Sempre, cerca, ama”, un’inedita avventura tra ceramica e poesia visiva con Veronica Zavoli e Petronella Ortmann; spazio anche a progetti speciali come l’esposizione degli elaborati dei workshop di grafica e progetto industriale dell’Università di San Marino e la presentazione del libro “Essere colore” di Federico Galli, oltre alla masterclass di Laura Genestreti con i consigli sul buon abitare all’aperto.

Cresce ancora l’attenzione ai più piccoli: al Doposcuola, con otto laboratori per bambine e bambini, si aggiungono uno spazio giochi sempre fruibile e il teatrino e le storie di meraviglia lette dai volontari di Mare di Libri, il primo festival di letteratura in Italia dedicato unicamente agli adolescenti.  

Spazio alla solidarietà

Matrioška si conferma poi un evento che fa del bene, con tre realtà del territorio impegnate nel sociale che saranno ospiti della manifestazione: la cooperativa Eucrante, che espone e vende le creazioni dell'atelier di macramè a cui hanno partecipato le giovani donne della comunità; la Ong Educaid, che venderà t-shirt, prodotti artigianali e kefiah Made in Palestina per raccogliere fondi per il progetto “Emergenza Gaza”; la cooperativa del commercio equo e solidale Pacha Mama, che presenta "Soruka", una linea di borse realizzate a mano da artigiani di Calcutta e Delhi con ritagli di pelle recuperata dall'industria indiana del pellame.

Si mangia e si balla

Sempre più festa da vivere per tutta la giornata, in questo nuovo appuntamento di Matrioška Lab Store ci ha davvero preso gusto: l’area dedicata al ristoro può contare infatti su cinque food truck, la novità del Mercato delle cose buone e il cocktail&wine bar a firma di Nécessaire Bistrot, che domenica porta a Corpolò il suo Tipsy Brunch con ospiti lo chef Andrea Giacchini del ristorante Essentia di Castrocaro Terme e i panificatori di “Nel nome del pane”, che dall’Appennino di Forlì hanno conquistato anche i più importanti riconoscimenti del Gambero Rosso. E non finisce qui: sabato sera al Vivaio Pesaresi si balla anche, con la collaborazione con Acido Domingo e Reemeenee che vede salire in consolle Mondo Nudo e Ka.Rim.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artisti creativi e food truck si incontrano tra le serre del Vivaio Pesaresi per Matrioška

RiminiToday è in caricamento