Giovedì, 23 Settembre 2021
social Cattolica

La pandemia non spegne i sogni di un ristoratore: "Ho fatto squadra e rilancio tra tradizione e jazz"

Andrea Galeazzi, ristoratore della Regina va avanti a testa alta: "E' stato difficile, ma oggi mi sento di dire che ho avuto modo di viverlo come un momento di formazione e specializzazione"

Una giovane sfida imprenditoriale nel cuore della Regina. A pochi passi dal mercato coperto. Si trova qui, affacciato su piazza Roosvelt, a Cattolica, il ristorante "Da Andrea", aperto nel 2019 da Andrea Galeazzi. Un sogno che diventa realtà, fino all'arrivo del covid, che ha bastonato intere categorie, a partire dai ristoranti. Il titolare, però, non si è arreso, è ha impiegato il tempo a disposizione per crescere ed essere sempre più comptetitivo al momento della riapertura. "Per me conta lo spirito di squadra - racconta - è il valore fodnamentale della mia attività, anche e, soprattutto, in un periodo, come questo, caratterizzato dall’emergenza sanitaria".

"Il periodo pandemico è stato difficile, ma oggi mi sento di poter dire che ho avuto modo di viverlo come un momento di formazione e specializzazione – prosegue Andrea -. Personalmente ho migliorato le mie conoscenze contabili, cosa sempre utile, e con lo staff abbiamo ulteriormente affinato le scelte sui prodotti da utilizzare, fornitori con cui collaborare. Oggi abbiamo dunque una proposta più “centrata” di prima e questo, unitamente alla forte passione, mi dà  maggior sicurezza nei confronti dell’attenta clientela che costituisce il nostro target – continua il titolare -.Raffaele, Edoardo, Eugenio, Giorgio, Stefano, non sono semplici dipendenti ma sono miei fratelli o figli. Ragazzi veramente eccezionali che hanno sin da subito capito e sposato in toto la filosofia aziendale, che non è altro che lavorare senza tante chiacchere e proclami. Cerchiamo di curare sempre bene i nostri clienti, dando loro la nostra massima qualità nel cibo e nell’accoglienza".

E questo la dice tutta sullo spirito imprenditoriale che si unisce alla più sentita volontà di trasmettere qualcosa che va oltre il cibo. Infatti, Da Andrea propone una cucina prettamente territoriale con soli prodotti provenienti dal nostro mare e dalla nostra terra, seguendo con particolare attenzione la stagionalità dei prodotti. E poi da sottolineare il sodalizio estivo nato dall’idea propostagli dal cattolichino Diego Olivieri, di realizzare assieme alcune serate in piazza Roosevelt seguendo l’onda del progetto “JaZzFeeling”.

"Una sera Diego Olivieri viene a cena da me, si siede al tavolino nel giardino vicino alla piazza e lo vedo immaginare qualcosa – racconta Andrea -.Poco dopo mi dice: “Questa piazza è meravigliosa per realizzare qualcosa assieme, fatto di gusto nella musica, nel cibo e nell’atmosfera”. Un mese dopo era già JaZzFeeling”". Dopo due serate di grande successo in giugno e luglio, la terza avrà luogo giovedì (la partecipazione è solo su prenotazione, chiamando il 334/ 1547552).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pandemia non spegne i sogni di un ristoratore: "Ho fatto squadra e rilancio tra tradizione e jazz"

RiminiToday è in caricamento