rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
social

I titolari di un locale fanno vivere un'area verde cittadina con arte, concerti e cibo

Franco Sacco, tra i titolari dell'attività: "Ogni venerdì d'estate proponiamo serate con tantissimi artisti, i residenti sono contenti, finalmente vedono rivivere questo spazio"

Due anni fa hanno aperto la loro polpetteria a Rimini, la prima in Romagna e, secondo gli assaggiatori ed estimatori della prelibatezza tutta italiana, anche tra le migliori d'Italia. Adesso, i soci e cuochi del locale Per la polpetta, in via Madonna della Scala, fanno un passo in più. Già durante la pandemia hanno dato un contributo solidale donando dei pasti, e adesso vogliono contribuire a far rivivere un'area verde cittadina con arte, musica e buon cibo. Proprio di fronte al loro locale. Da tempo coltivano infatti il sogno di dare una nuova spinta ai Giardini Don Luigi Sturzo, in viale Matteotti. "Purtroppo molto spesso abbiamo assistito a scene di degrado - afferma Franco Sacco, tra i titolari del locale - Così abbiamo deciso di fare qualcosa. Ci siamo rivolti al Comune di Rimini per chiedere come potevamo dare il nostro contributo per rendere più bella, viva e gradevole questa zona, ma non solo. Volevamo anche creare una proposta di intrattenimento ai riminesi e ai turisti". 

Da lì ha preso il via il progetto. I cuochi hanno aperto l'associazione "Scialla" e con la collaborazione dell'organizzatore di eventi Gianluca Montebelli hanno ideato un programma. "Abbiamo investito come locale circa 15mila euro per le spese, le attrezzature, il cachet per gli artisti e tutto ciò che servirà per dare linfa vitale a questa rassegna estiva, tra spettacoli e cibo. L'abbiamo chiamata "Artisti tra le mura". L'associazione nasce proprio con la volontà di riqualificare questa zona di Rimini attraverso l'arte, lo spettacolo e la cucina".

scialla - per la polpetta - giadini don luigi sturzo - giugno 2021 - 2-2-2

La prima polpetteria della Romagna a Rimini

Quando avete inaugurato?
"Abbiamo debuttato venerdì scorso e la risposta dei riminesi è stata molto positiva. La prima serata c'è stato uno spettacolo con i legionari romani e poi degli archeologi hanno raccontato e spiegato l'importanza delle mura di questa zona, si è poi esibita una cantante e hanno fatto incursione anche alcuni performer del Tunga. Ogni venerdì ci saranno tantissimi artisti a rotazione fino a fine agosto. Abbiamo aperto una pagina Instagram Artisti tra le mura dove pubblicheremo man mano il programma, oltre che sulla nostra pagina social del locale Per la polpetta".
Per il secondo appuntamento, questo venerdì?
"Avremo delle band locali emergenti che suoneranno, molto brave. Siamo rimasti stupiti anche dalle richieste che stiamo ricevendo".
Quante persone potete ospitare?
"Ci sono 200 posti disponibli, abbiamo allestito panche e tavoli. Venerdì scorso sono venute a trovarci a rotazione almeno 400 persone. C'è chi viene per cenare e godersi lo spettacolo o chi si ferma solo per la parte artistica, è tutto libero. Il nostro scopo è far rivivere e far ripartire il parco che era davvero abbandonato".
In menu?
"Ci sono i nostri panini, le nostre polpette e tutte le nostre specialità, oltre ad avere allestito nel parco un punto ristoro con le bevande".
Un rilancio anche per voi.
"Durante la pandemia per fortuna il lavoro non è mancato, sicuramente questa è una spinta in più, ma vogliamo farlo soprattutto per questo angolo di città e per gli artisti o penso anche alle scuole di danza. Sono loro che aprono le vedute, danno forza, sogni e stimoli, ma purtroppo sono stati completamente bloccati dalla pandemia".

scialla - per la polpetta - giadini don luigi sturzo - giugno 2021 - 3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I titolari di un locale fanno vivere un'area verde cittadina con arte, concerti e cibo

RiminiToday è in caricamento