rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
social

Viaggio nel ristorante che si ispira al Sommo Poeta. La carne è "Divina", ma senza gironi dell'inferno

A Rimini un locale dove la lavorazione della carne è arte, qui le bistecche si tagliano ancora con la mannaia

Un locale che si ispira alla "Commedia" per eccellenza, quella del Sommo Poeta, Dante Alighieri. Ma "La Divina Bistecca", ristorante che si trova proprio di fronte alla darsena, propone alla propria clientela qualcosa di altrettanto eccellente: la propria cucina. "Abbiamo aperto nel maggio del 2022 - racconta Maria Antonietta, che con il marito Gaetano, il figlio Mattia e la figlia Alice, gestiscono il locale - prima siamo stati 8 anni a Bertinoro, ma noi eravamo di Rimini e il desiderio era quello di tornare nella nostra città". 

Come suggerisce il nome del locale, la carne è la protagonista indiscussa. "Mio marito Gaetano viene da una generazione di macellai. Ha cominciato a lavorare in macelleria sin da piccolo e conosce bene l'arte di trattare la carne. Ci serviamo da un allevatore di fiducia che conosciamo da oltre vent'anni. Da lui acquistiamo le mezzene di Scottona razza Limousine, che poi lavoriamo. Abbiamo poi altre tipologie di carni, in particolare bistecche, sia italiane che estere. Mio figlio Mattia, chef del ristorante, ha raccolto l'esperienza del padre, coniugandolo con il suo estro creativo in cucina. È lui che prepara tutte le linee dei piatti ed è il vero cuore pulsante del locale".

La Divina Bistecca

Qualità a gestione familiare

"Nel nostro ristorante si possono trovare piatti diversi dal solito, come i nostri crudi: tartare, carpacci, roast beef, che stanno diventando il nostro biglietto da visita. Se in cucina ci sono mio marito e mio figlio, della sala me ne occupo personalmente, con l'aiuto di mia figlia Alice, che mi aiuta nel fine settimana e nel periodo estivo".

Nel locale riminese si lavora la carne come una volta, con una particolare attenzione alla qualità. "Tutto viene fatto a mano, mio marito taglia ancora le bistecche con la mannaia. Al cliente diamo anche lo scontrino con il peso della bistecca che ha mangiato. Il crudo è sicuro se trattato bene, che significa carne fresca, conservata bene e, soprattutto, lavorato al momento".

I crudi "divini"

Non solo carne

Non solo bistecche, nel locale di Rimini si pensa anche a chi non mangia carne. "Abbiamo anche dei piatti pensati per i vegetariani, dagli antipasti al dolce, passando per i primi piatti ed i contorni. Curiamo particolamente la selezione di formaggi. Cuciniamo inoltre senza glutine, un'attenzione nata con nostra figlia, che è celiaca. I nostri antipasti, i dolci, i primi e il pane, sono tutti senza glutine." 

A tavola con Dante

A tavola con la Divina Commedia

Come suggerisce il nome, il ristorante si ispira alla Divina Commedia dantesca. "Ci sono tre ambienti differenti ognuno con una propria caratterizzazione dell’apparecchiatura. Qui non facciamo il doppio giro, chi viene a cena sa che potrà mangiare in tutta tranquillità e quando si siede, offriamo il prosecco di benvenuto e non mancano i dolci a fine pasto. Ogni sei mesi cambiamo il menù seguendo la stagionalità dei prodotti. Molti clienti ci seguono da quando eravamo a Bertinoro, venendo anche da molto lontano".

Il ristorante è aperto tutto l'anno, a cena. Nel periodo invernale osserva la chiusura il martedì e propone il servizio anche all'ora di pranzo il sabato e la domenica. Nel periodo estivo è invece aperto solo a cena, a partire dalle 17, ma tutti i giorni. 

La Divina Bistecca 26

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viaggio nel ristorante che si ispira al Sommo Poeta. La carne è "Divina", ma senza gironi dell'inferno

RiminiToday è in caricamento