← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Il "giallo" del Marecchia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Le acque gialle del #fiume #marecchia

il marecchia corso d'acqua simbolo dell'entroterra riminese che dall'appennino tosco romagnolo sfocia nel mar adriatico .
Un lungo tratto del fiume "colorato" di un giallo acceso a causa di una fioritura di alghe eccezionale. La sezione provinciale di Rimini dell'Arpa (Agenzia regionale prevenzione e ambiente) dichiara che si tratta di alghe che sono presenti sul fiume, spesso solo come spore, ma che, per una serie di condizioni, sono cresciute creando una fioritura, o "bloom", algale. "L'alga Chlorophyceae ricopre interamente l'alveo bagnato del fiume conferendogli una tipica colorazione giallastra. Le possibili cause possono ricondursi a una molteplicità di concomitanti fattori naturale e antropici, quali il dilavamento dei terreni conseguenti alle recenti precipitazioni". Ovvero la pioggia porta via dal terreni concimati e fertilizzati parte di queste sostanze che finiscono nei fiumi e che, come fanno con le piante che crescono su terra, possono nutrire anche queste alghe. "Al termine del ciclo vitale le alghe determineranno anossia", ovvero mancanza di ossigeno, "torbidità e cattivi odori.

Flavio Biancoli

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento