"Il parchetto di Miramare tra sbandati che bivaccano ed escrementi umani ovunque"

La segnalazione dello stato di profondo degrado in cui versa l'area verde di fronte alla spiaggia

"E' una cosa che dobbiamo sopportare tutti gli anni e nessuno si preoccupa di questa situazione di profondo degrado". Inizia così la segnalazione arrivata a RiminiToday che denuncia lo stato miserevole in cui si riduce, puntualmente, il parchetto di Miramare di viale regina Margherita a ridosso della spiaggia. Ogni giorno, durante l'estate, turisti e residenti si trovano davanti una cartolina di squallore che dovrebbe far inorridire soprattutto gli operatori turistici che hanno il coraggio di presentare ai propri ospiti uno spettacolo non all'altezza di quella che si definisce una delle "capitali delle vacanze". "Tutto il giorno - prosegue la segnalazione - sui prati bivaccano sbandati di ogni sorta ma la vera tragedia arriva dopo il calare del sole. Intorno alla mezzanotte, quando si spengono le luci delle giostrine, i punti più bui diventano dei dormitori all'aria aperta e, all'alba, rimangono gli squallidi ricordi. Immondizia, feci umane ovunque che costellano prati e marciapiedi tra odori nauseabondi e chiazze di urina oltre a vestiti sporchi abbandonati in bella vista. Alla mattina, molte volte, non si riesce a passare nemmeno per andare al mare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sesso in strada durante la quarantena, individuato il trio di esibizionisti

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Buoni spesa, come richiedere il contributo: 150 euro per ogni componente della famiglia

  • Lutto nella comunità di San Patrignano, si è spenta Maria Antonietta Muccioli

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Coronavirus, verso il blocco totale almeno fino a Pasqua: poi si valutano riaperture in "due fasi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento