menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"L'ingresso della città tra incuria, degrado e inciviltà"

La segnalazione della situazione alla stazione ferroviaria di Rimini, una brutta cartolina per chi arriva o parte

Non è l'immagine migliore che Rimini da di sè a chi arriva o parte dalla città utilizzando il treno. La stazione ferroviaria, come è stato segnalato da un lettore a RiminiToday, appare abbandonata a sè stessa tra incuria, degrado e incivilità dei tanti sbandati che la frequentano. Il piazzale, noto per essere uno dei centri di spaccio di sostanze stupefacenti più attivi di Rimini, a tutte le ore del giorno e della notte è invaso da una marea di biciclette parcheggiate nel peggiore dei modi. Una sosta selvaggia che, tra le altre cose, impedice ai pedoni di circolare liberamente dal momento che i varchi sono "presi in ostaggio" dalle due ruote rendendo particolarmente difficoltosa la vita a chi ha al seguito sia pesanti valige che semplici trolley. La situazione delle poche panchine presenti, quelle che non sono ancora state vandalizzate, non è certo migliore coi rifiuti dei bivacchi di fortuna che fanno bella mostra senza dimenticare che, anche in pieno giorno, non mancano sbandati e clochard stravaccati sui marciapiedi con l'immancabile cartone di vino scadente che, regolarmente, viene poi abbandonato sul posto. Un modo di fare, quest'ultimo, che spesso impedisce anche ai taxisti di lavorare dal momento che stendendosi sul selciato bloccano di fatto il passaggio a chi vuole salire sui mezzi. "I turisti - spiega chi ha fatto la segnalazione - sono costretti a driblare tutto questo appena scesi dal treno con l'idea di trascorrere qualche giorno di relax e, invece, si trovano subito davanti agli occhi un'immagine di degrado e abbandono".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Simbolo di Rimini, storia e curiosità del grattacielo

social

Ricette con uova, 4 idee creative da gustare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento