rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
publisher partner

Un'educazione che supera barriere e confini

La scuola internazionale che prepara i suoi alunni a diventare cittadini del mondo e a volare con le proprie ali

Quante volte avrete sentito pronunciare l’espressione “I bambini assorbono come spugne”?
Di fatto si tratta di una verità, non solo da un punto di vista di contenuti – pensiamo ad esempio quanto un bimbo in tenera età sia tendenzialmente in grado di imparare una o più lingue straniere molto più facilmente e rapidamente di un adulto – ma anche per quanto concerne valori, comportamenti e visione del mondo.

È l’ambito familiare il primo in cui osservano, interagiscono e da cui prendono l’esempio. Genitori e parenti svolgono quindi un ruolo fondamentale nelle prime fasi della loro vita. Accanto ad essi, in un momento successivo, risulta determinante il contesto scolastico in cui si sceglie di inserirli: l’ambiente, l’approccio all’istruzione e all'educazione possono realmente fare la differenza, soprattutto ai giorni nostri, in cui il mondo appare sempre più globalizzato e in continua evoluzione.

Per il futuro dei bambini è dunque importante che sia presente una doppia predisposizione: da una parte istituti pronti ad accogliere e a formare alunni che dovranno successivamente essere in grado di prendere il loro posto in una società multiculturale e soggetta a costanti cambiamenti, dall’altra genitori desiderosi di inserire i propri figli in contesti socioeducativi lontani dai modelli tradizionali finora conosciuti.

All’interno di tale scenario, si inserisce una scuola internazionale, con sede a Rimini, che promuove tra i suoi pilastri il concetto di “break boundaries and think differently”, dando una nuova visione dell’insegnamento, a partire dalla scuola primaria. Si tratta della International School of Rimini, che invita la comunità cittadina a scoprire la propria realtà educativa durante gli Open Day che si terranno in via Santa Chiara 40, sabato 22 ottobre e 26 novembre. L’istituto organizza inoltre la prima edizione degli International Beach Games domenica 2 ottobre presso il Bagno 26, che vedrà coinvolte le comunità scolastiche della International School of Rimini e della International School of Bologna.

Approccio didattico innovativo e motivante

Situato nel centro storico della città, l’istituto ha come principale obiettivo diventare un punto di riferimento nell’educazione scolastica internazionale, grazie ad un corpo docenti qualificato e ad una struttura che offre un’esperienza di apprendimento varia e di alto livello, inserita in un ambiente attento alle esigenze di ogni studente. La mission di International School of Rimini è quella di fornire un ambiente inclusivo, stimolante e di supporto, che permetta a tutti gli studenti di raggiungere il loro pieno potenziale.

“Uno dei valori principali della International School of Rimini è quello di preparare anche i genitori ad un approccio internazionale - ad avere una mentalità internazionale, che non sia ancora legata alla struttura tradizionale del passato - applicando un approccio olistico all’educazione. Come scuola internazionale siamo consapevoli che sia fondamentale preparare gli studenti non solo a livello accademico, ma anche fornendo loro delle competenze di vita che li possano far diventare cittadini del mondo con un ampio senso critico”.

Sono le parole pronunciate da Janecke Aarnaes, Preside della International School of Rimini, che afferma inoltre:

“In una scuola tradizionale troverete gli studenti disposti in fila con l’insegnante di fronte che, durante le lezioni, parlerà per la maggior parte del tempo. Noi invece poniamo gli alunni al centro dell’apprendimento, fornendo loro gli strumenti per fare domande sui grandi temi e connetterli alla vita di tutti i giorni. I giovani d’oggi sanno, inoltre, che il mondo è più grande dei territori in cui sono cresciuti. Vogliamo offrire loro le competenze per esplorare il mondo e cerchiamo di far comprendere che con questa tipologia di insegnamento, non solo li educhiamo ad esplorare il mondo, ma creiamo anche una struttura nel territorio di origine che li accolga al loro ritorno.”

Janecke Aarnaes Headshot (1)-2

Evoluzione e attenzione verso ogni singolo studente

Fondata nel 2018, nel corso degli anni la scuola ha conosciuto un’evoluzione non solo dal punto di vista dell’organizzazione e della crescita della struttura, ma anche per quanto riguarda la partecipazione e il coinvolgimento.

Quello che abbiamo registrato è un cambio demografico, gli studenti sono sempre più internazionali, la comunità è più consapevole della nostra realtà. Ci sono famiglie italiane che non sono di Rimini e si trasferiscono appositamente per la scuola, oppure famiglie provenienti dall’estero che vengono ricollocate dalle loro sedi internazionali all’interno dell’area e si trasferiscono a Rimini sempre per lo stesso motivo.

È di nuovo la Preside a sottolineare questi importanti cambiamenti, soffermandosi anche sull’aspetto umano, raccontando come il messaggio che la International School of Rimini desidera trasmettere agli studenti, è che sentano e sappiano che ogni ora passata a scuola abbia un significato, che si sentano al sicuro, felici nell’apprendimento e consapevoli del proprio valore. Grazie a questa consapevolezza, capiranno quanto possano fare la differenza nel mondo.

Due mondi a confronto: la testimonianza dei genitori

Se da una parte i cambiamenti hanno coinvolto struttura e partecipazione, dall’altra risultano evidenti le trasformazioni degli stessi alunni:

“Ho visto in mio figlio una crescita enorme, sia come studente – ciò mi ha sorpreso molto perché avevo aspettative completamente diverse – ma anche come persona, la sua visione verso il mondo, verso le persone, soprattutto quelle internazionali. Si sente cittadino del mondo e non ha nessuna difficoltà.”

A parlare è Vantseva Elvira, la mamma di un alunno del quinto e ultimo anno, che aggiunge:

Una scuola internazionale è costruita con un approccio innovativo e motivante e questo tipo di apprendimento li coinvolge molto, li fa incuriosire. I ragazzi hanno il piacere della conoscenza, hanno piacere di studiare e imparare. Mio figlio va veramente molto volentieri e mi dà una grande soddisfazione. Credo inoltre che conoscere le lingue, sia nella forma parlata che scritta, sia un valore aggiunto in un mondo sempre più globalizzato. Consiglierei ad altre famiglie di iscrivere i propri figli in questa scuola perché può dare loro l’opportunità di scoprire un futuro eccezionale e di essere veramente cittadini del mondo, che è la cosa più importante”.

Un augurio agli studenti

La componente umana è dunque al centro dell’approccio educativo dell’istituto e fortemente sentita dalla Preside, la quale afferma di emozionarsi ogni qualvolta si rende conto che gli studenti diventano consapevoli del loro valore individuale, della differenza che possono fare e di come la scuola internazionale si distingua da quelle tradizionali per l’attenzione rivolta al singolo individuo.

E dalla mamma intervistata, arriva un augurio pieno di speranza:

“Auguro a mio figlio un’apertura mentale verso il mondo che non abbia limiti, sia nello studio che nell’essere un cittadino moderno, di esplorare il mondo e volare con le sue ali.”

Informazioni e contatti

Per ulteriori informazioni, modalità di iscrizioni e contatti, è possibile consultare il sito internet www.isrimini.com, disponibile nella doppia versione in lingua italiana ed inglese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

RiminiToday è in caricamento