Bautista sbaglia, Rea ringrazia e piega un grande Razgatlioglu. Il weekend di Misano si chiude con 70mila spettatori

La cavalcata in solitaria che Alvaro Bautista aveva programmato per Gara 2 si è stoppata al secondo giro della curva Rio, dove la sua Panigale V4R si è stesa per un'improvvisa perdita d'anteriore

Il copione prevedeva una fuga per la vittoria. La cavalcata in solitaria che Alvaro Bautista aveva programmato per Gara 2 si è stoppata al secondo giro della curva Rio, dove la sua Panigale V4R si è stesa per un'improvvisa perdita d'anteriore. Senza lo strapotere del numero 19 spagnolo, che alcune ore prima aveva regalato alla Ducati la vittoria numero 30 sul tracciato di Misano, ne è venuta fuori una manche divertente e combattuta, che ha visto Jonathan Rea piegare un superlativo Toprak Razgatlioglu.

Il turco della Kawasaki del team Puccetti, scattato a fionda dalla seconda fila, ha tenuto a lungo la testa della corsa firmando anche il giro più veloce in 1'36"814, prima di cedere a quattro giri dalla fine la leadership al nordirlandese. Il numero 54 ha cercato a tutti i costi la vittoria, tentando all'ultimo un attacco alla Quercia senza fortuna. Per il quattro volte campione del mondo si tratta della vittoria numero 75 nel campionato delle derivate di serie, ma soprattutto tiene vivo un campionato rosso Bautista, che ha comuque arpionato due punti con 14esimo posto. Nonostante le 14 vittorie dello spagnolo contro le quattro del nordirlandese, Rea si trova a soli 16 punti dalla vetta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domenica che sorride a Leon Haslam, che in Gara 2 ha replicato il terzo posto della Superpole Race. Ottima prestazione di Michael Ruben Rinaldi, col santarcangiolese della Ducati del team Barni che ha chiuso la top five alle spalle di Alex Lowes (Yamaha). Sesto Tom Sykes (Bmw) a precedere Chaz Davies (Ducati), Michele Pirro (Ducati Barni), Lorenzo Zanetti (Ducati GoEleven) e Jordi Torres (Kawasaki Pedercini). Gara 2 amara per Marco Melandri: il ravennate della Yamaha del team Grt era in lotta per il podio, quando è scivolato alla Quercia. Tornato in sella, ha chiuso 16esimo. Il weekend del Misano World Circuit Marco Simoncelli si è chiuso con 70.447, inferiore solo ai 72.113 di Imola. E' il dato migliore degli ultimi sei anni: nel 2014 furono 59424, nel 2015 62540, nel 2016 65736, nel 2017 68154 e nel 2018 68697.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento