Allenatori non pagati, chiude la scuola calcio del Rimini: 80 bimbi a casa

Allenatori senza stipendio dallo scorso agosto. E con oltre un mese d'anticipo ha chiuso la scuola calcio del Rimini. Sono un'ottantina i bimbi iscritti, con i genitori che hanno pagato fino a 350 euro (retta per dieci mesi) per l'attività sportiva

Allenatori senza stipendio dallo scorso agosto. E con oltre un mese d'anticipo ha chiuso la scuola calcio del Rimini. Sono un'ottantina i bimbi iscritti, con i genitori che hanno pagato fino a 350 euro (retta per dieci mesi) per l'attività sportiva che si sarebbe dovuta concludere a giugno. Mercoledì i genitori hanno organizzato una riunione per fare il punto della situazione. E non escludono una diffesa nei confronti del club di piazzale del Popolo.

E non se la passa di certo bene anche la prima squadra. Si sta arenando infatti la trattiva tra Antonio Esposito e Biagio Amati per l'acquisto della società biancorossa. Esposito proseguirebbe nella trattativa a patto che il Rimini non tratti con altri soggetti. Mercoledì è in programma l'assembla dei soci. Tra le possibili opzioni c'è anche quella del gruppo del Sud Italia rappresentatata dall'ex direttore sportivo Mauro Traini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento