rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Altro

Rimini capitale della ginnastica, Europeo storico prima delle Olimpiadi. Si parte con la maschile

In Fiera parte l'Europeo, manifestazione che nel nostro Paese si è tenuta solo tre volte nella storia. Gli azzurri sono i campioni in carica, dopo il trionfo di Antalya, le Fate di Brescia vicecampionesse

A Rimini un vero e proprio antipasto di Olimpiadi. E’ tutto pronto per l’avvio in città dei campionati Europei assoluti di ginnastica, tra l’altro qualificante per i Giochi Olimpici di Parigi. Anche se gli azzurri sono già qualificati. Chi raggiunge la Fiera avrà l’occasione, più unica che rara, di assistere dal vivo ad una manifestazione che nel nostro Paese si è tenuta solo tre volte: a Roma nel 1981 con la maschile e a Milano nel 2009 con l’edizione individuale Gam e Gaf. Nella location iconica della Ginnastica in Festa, il cuore pulsante della ginnastica di base, duplicatasi nella Summer e nella Winter Edition proprio per il suo straordinario successo, la Fgi ha avuto l’idea e il coraggio di portare a Rimini un evento di vertice. Dal 24 al 28 aprile si svolgono le gare degli uomini e dal 2 al 5 maggio quelle delle donne. Gli azzurri sono i campioni in carica, dopo il trionfo di Antalya, in Turchia, nel 2023, le Fate di Brescia vicecampionesse.

I numeri

I numeri parlano da soli: il 36° Ech Mag vanta 37 federazioni iscritte, con 299 ginnasti in gara (174 senior, 125 junior), 145 tecnici, 68 giudici, per un totale, inclusi medici e fisioterapisti, di 662 addetti ai lavori; cifre molto simili anche per il 35° Ech Wag, che conta 39 paesi, 290 ginnaste (157 senior e 133 juniores), 148 tra allenatori e allenatrici, 66 giudici per 620 accreditati complessivi. In palio ci sono dodici podi di specialità maschili, otto femminili tra big e giovani, quattro di squadra e altrettanti all around individuali: 28 premiazioni, in generale. L’augurio è quello di ascoltare il più possibile le note dell’Inno di Mameli, anche se, lo spirito d’ospitalità, ci farà gioire, sportivamente, per tutti i medagliati.

La selezione maschile

Rimini ha riservato un'accoglienza sotto la pioggia, ma la speranza è che valga il vecchio proverbio: esordio bagnato, esordio fortunato. La Fiera ha alzato il sipario sul 36° Campionato Europeo di Ginnastica Artistica maschile, che apre ufficialmente il programma di gara mercoledì 24 aprile con le qualificazioni senior. E, proprio ieri pomeriggio, mentre gli junior guidati dal responsabile della squadra giovanile Nicola Costa hanno preso confidenza con gli attrezzi in allenamento, i grandi testavano dal vivo il campo gara nella prova podio. Gli agenti delle Fiamme Oro Mario Macchiati e Lorenzo Casali, l'aviere dell'Aeronautica Militare Marco Lodadio, Yumin Abbadini della Pro Carate, Matteo Levantesi della Virtus Pasqualetti e l'individualista poliziotto Salvatore Maresca hanno iniziato dalla sbarra il loro giro olimpico di prova, dopo Israele, accompagnati dai tecnici Marco Fortuna, Alberto Busnari e Marcello Barbieri, sotto lo sguardo attento del direttore tecnico nazionale Giuseppe Cocciaro.

La formula di gara è sempre la stessa, con il 5-4-3. Ossia, per ciascuno dei sei attrezzi saliranno quattro ginnasti con la possibilità di scartare il punteggio peggiore. Nessun azzurro effettuerà il secondo salto sulla rincorsa dei 25 metri: Yumin e Mario eseguiranno un Kasamatsu con un avvitamento e mezzo (Drigs), Lorenzo con due avvitamenti (Lopez) e Marco il Dragulescu. Gli unici due impegnati sul giro completo saranno Casali e Abbadini. Quest’ultimo, lo ricordiamo, si è piazzato al sesto posto nei recenti Mondiali di Anversa, ottenendo il miglio piazzamento all around dai tempi di Jury Chechi. Al termine della giornata di qualifiche, avremo già l’assegnazione del titolo all around individuale con la proclamazione del numero uno del concorso generale europeo.

Dopo i senior, toccherà agli junior effettuare la prova podio nei padiglioni del quartiere fieristico. Dalle 13.30 l'Italbaby formata da Tommaso Brugnami della Giovanile Ancona, Manuel Berettera dell'Artistica Brescia, Diego Vazzola della Pro Carate, Pietro Mazzola della Ginnastica Sampietrina e Simone Speranza della New Sport prenderanno confidenza con l’attrezzatura della Spieth, affiancati dai tecnici Fabrizio Marcotullio, Corrado Corti e Pietro Matias Bani.

La selezione femminile

Il direttore tecnico GAF Enrico Casella, coadiuvato dal team manager Massimo Contaldo, ha ufficializzato i nomi delle ginnaste azzurre che andranno a comporre la squadra italiana alla 35esima edizione dei Campionati d’Europa di Ginnastica Artistica, in programma alla Fiera di Rimini dal 2 al 5 maggio. Sulle pedane continentali vedremo le vice campionesse in carica di Antalya 2023, Alice D’Aamato, Asia D’Amato, Manila Esposito, Elisa Iorio – tutte agenti delle Fiamme Oro della Polizia di Stato – e Angela Andreoli (Brixia). Insieme alle big – seguite dai tecnici Marco Campodonico e Monica Bergamelli – nei padiglioni A7-C7 di via Emilia 155 ci saranno le giovani dell’Italbaby, Benedetta Gava, Emma Puato (Artistica 81 Trieste), Emma Fioravanti (Forza e Coraggio Milano), Artemisia Iorfino e Giulia Perotti (Libertas Ginnastica Vercelli). La squadretta juniores è accompagnata dagli allenatori Tiziana Di Pilato, Diego Pecar ed Enrico Pozzo. La delegazione italiana, guidata dal consigliere federale Pierluigi Miranda, si completa con i giudici Linda Balugani e Gioconda Raguso e con lo staff medico formato dalla dottoressa Maria Conforti e dai fisioterapisti Salvatore Scintu e Beatrice Di Blasio.

Si comincia giovedì 2 maggio con le qualifiche delle senior, divise in quattro suddivisioni. L’ItalGAF è stata sorteggiata nella quarta ed ultima, e comincerà il giro dalla trave, dopo l’Ucraina. Al termine della giornata avremo già l’assegnazione del titolo all around individuale senior con la proclamazione della numero uno del concorso generale europeo, carica detenuta al momento dall’inglese Jessica Gadirova. Dalla classifica del concorso di ammissione poi avremo gli ottetti delle finali per attrezzo di sabato 4 maggio e le otto squadre della finale di domenica 5. Venerdì 3 maggio, invece, saliranno in pedana le stelline della categoria juniores, distribuite anche loro in quattro suddivisioni. L’Italbaby è nella seconda e partirà dalle parallele asimmetriche, dopo le pari età della rappresentativa islandese. Alla sera avremo sia il podio giovanile a squadre con le qualificate per le quattro final eight di domenica mattina sia l’incoronazione della principessa del concorso generale.

Tutte le finali senior saranno trasmesse da Rai Sport (con alcune finestre su Rai Due), quelle junior invece andranno in onda su SportFace TV. Le qualificazioni saranno coperte dall’European Gymnastics con una diretta streaming sulla piattaforma SmartScoring.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini capitale della ginnastica, Europeo storico prima delle Olimpiadi. Si parte con la maschile

RiminiToday è in caricamento