Ancora una bella prova degli schermitori dell'Accademia Voltolini

Andrea Righetti ha ottenuto un brillante sesto posto che gli permette di partecipare alla prova nazionale. Sono stati 140 gli schermidori presenti e solo i primi 20 ottenevano il pass per la fase nazionale

Ancora una bella prova per gli schermidori dell'Accademia Voltolini: infatti dopo aver vinto con Chiara Bravi la prima prova di qualifica regionale di spada femminile, domenica scorsa, negli impianti del CUS Bologna, Andrea Righetti ha ottenuto un brillante sesto posto che gli permette di partecipare alla prova nazionale. Sono stati 140 gli schermidori presenti e solo i primi 20 ottenevano il pass per la fase nazionale.

Andrea sin dai gironi iniziali ha messo in mostra tutta la sua tecnica, facendo tutte vittorie e solo nell'assalto per la semifinale si è dovuto arrendere ad Andrea Ufficiali, atleta molto esperto e tecnicamente forte. Oltre a Righetti a rappresentare la Voltolini erano presenti Tommaso Panozzo, Enrico Amaducci e Luca Bagnoli.

Questi atleti saranno impegnati già sabato prossimo a Imola per la seconda tappa del campionato regionale a squadre. L'Accademia Voltolini offre la possibilità a tutti di provare la scherma per un mese gratuitamente, gli interessati possono presentarsi il martedì, mercoledì e venerdì presso la palestra delle scuole Toti, via Covignano, 13 dalle ore 18,30 alle 20,30 per ricevere tutte le informazioni necessarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento