menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elisa Celli “spacca” gli Italiani di nuoto: suoi i 200 rana

La Celli ha letteralmente sbaragliato le avversarie, lasciando la Fissneider (2’28”01) a quasi tre secondi Ad accompagnare la strepitosa prova della Celli, i grandissimi miglioramenti di Simone Sabbioni nei 100 (in staffetta) e 200 dorso

Prestazione eccezionale di Elisa Celli sui 200 rana. La riminese della Swim Pro SS9 ha vinto il titolo italiano, bissando quello invernale dell’anno scorso, nuotando in 2’25”23, miglior prestazione italiana di sempre, ad eccezione del record italiano di Ilaria Scarcella (2’23”32) ottenuto però nel 2009, quando si nuotava coi costumi “di plastica”. La Celli ha letteralmente sbaragliato le avversarie, lasciando la Fissneider (2’28”01) a quasi tre secondi.

Dopo un primo 50 tranquillo (34”18), l’allieva di Luca Corsetti ed Emanuela Donati è sempre passata prima alle virate dei 100 (1’11”23) e dei 150 (1’48”05) dando la chiara impressione di essere potente, efficace e coordinata. Nell’anno solare 2013, la sua è la sesta prestazione in Europa e la 18esima di sempre del Continente, epoca dei costumoni compresa. Il risultato della Celli è senz’altro uno di quelli tecnicamente più interessanti usciti da questa due giorni, assieme al record italiano della 4x100 mista femminile delle Fiamme Gialle.

Ad accompagnare la strepitosa prova della Celli, i grandissimi miglioramenti di Simone Sabbioni nei 100 (in staffetta) e 200 dorso. In Sabbioni è stato incredibile nella frazione a dorso della 4x100 mista della Swim Pro SS9. Ha nuotato in 54"97, tempo che non solo batte il suo personale siglato nella finale dei 100 dorso di ieri (55"23) e che gli era valso un quarto posto, ma è anche una prestazione di valore assoluto: è il settimo all-time mai nuotato da un italiano, a soli tre centesimi dal record di categoria (Juniores) che appartiene a Niccolò Bonacchi. Nessuno dei grandi che correvano contro di lui ha retto il passo: sono rimasti indietro i vari Milli, Di Tora e lo stesso Bonacchi. Un forte squillo di tromba da parte di questo atleta nettamente in crescita.

E, tanto per non farsi mancare niente, Sabbioni è sceso in vasca anche nel pomeriggio sui 200 dorso, la distanza nella quale è meno forte. Nuotando nella seconda serie (dunque non a diretto contatto con i migliori), ha fermato il cronometro sul 2’01”47, suo personale (precedente 2’03”16) e tempo che gli è valso la quarta piazza assoluta dietro Ciccarese, Mencarini ed Aversa, bissando così il quarto posto di ieri sui 100.

Per completare il quadro, va detto che Sabbioni, in mattinata, era arrivato sesto sui 50 dorso in 25"95 a 12 centesimi dal personale. Sempre di mattina, erano scesi in vasca per la Swim Pro SS9 anche altri riccionesi: Spimi, Frisoni e Paganelli. Sharon Spimi ha nuotato i 400 misti in 5'06"58, 22esima assoluta. Era iscritta col personale di 5'00"67. Ilenia Frisoni è partita come ultima staffettista della Swim Pro SS9 nella 4x100 stile. E' stata la migliore della sua squadra nuotando la sua frazione in 59"36 (tempo totale: 4'00"82 e 12esima piazza).

Marco Paganelli ha nuotato nella frazione a rana della 4x100 mista SS9 in 1'05"95, a più di un secondo dal suo personale di 1'04"79. La staffetta della Swim Pro SS9, composta, oltre che da Sabbioni e Paganelli anche dal delfinista Luca Vezzadini e dal liberista Alberto Del Monte, è giunta quinta assoluta in 3'48"04. Andrea Carnemolla, presidente della sezione nuoto della Polisportiva e direttore sportivo della Swim pro SS9 non sta nella pelle: “Dire che sono entusiasta di questi ragazzi non rende l’idea. Mi voglio solo complimentare con tutti loro per l’enorme crescita tecnica, complimenti che voglio allargare a tutto lo staff tecnico e dirigenziale”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento