rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Basket

L'attesa è finita, la serie A2 torna al Flaminio. Rbr affronta la Unieuro Forlì

La prima davanti al pubblico casalingo per RivieraBanca Basket Rimini sarà il derby contro Forlì, per un grande ritorno al Flaminio del campionato di A2.

Attesa elettrizante per la pallacanestro riminese che si appresta a rivivere sulle tavole del nostro PalaFlaminio lo storico derby contro Unieuro Forlì, sponsorizzato da Mamasun. L'occasione sarà la seconda giornata di campionato, la prima davanti al pubblico casalingo per RivieraBanca Basket Rimini che non poteva sperare in un calendario migliore per il ritorno al Flaminio nel campionato di A2.

Questo incrocio conta esattamente 30 sfide ufficiali (perfetto bilancio di 15 vittorie per ciascuna compagine), l'ultima delle quali risale ai quarti di finale playoff Serie B 2015/2016 quando un giovanissimo Davide Meluzzi ed i suoi, allora, compagni di squadra dei Crabs allenati da Massimo Bernardi non riuscirono ad avere la meglio della formazione guidata da Luigi Garelli. La sfida, che promette un fortissimo afflusso di pubblico nonchè altrettanta qualità in campo da parte di entrambe le squadre, sarà diretta dagli arbitri Gianluca Gagliardi (Anagni, Frosinone), Lorenzo Grazia (Bergamo) e Francesco Praticò (Reggio Calabria). Palla a due domenica 9 ottobre alle ore 17.00.

Pallacanestro 2.015 Forlì, come suggerisce il nome stesso, nasce 7 anni fa per dare un nuovo corso alla pallacanestro cittadina. I risultati arrivano fin dalla prima stagione (2015-2016): vittoria della Coppa Italia e promozione in Serie A2, con il nostro capitano Marco Arrigoni al tempo protagonista dell'Unieuro. Dalla stagione successiva in poi la società forlivese ha consolidato la posizione nella nuova categoria, fino a conquistare i quarti di finale playoff nelle ultime due annate.

Il progetto legato alla stagione corrente è stato affidato ad Antimo Martino nel duplice ruolo di capo allenatore e responsabile dell'area tecnico-sportiva. Martino muove i suoi primi passi come assistente alla Virtus Roma per poi debuttare sulla panchina di Ravenna in Serie A2 nel 2014: in quattro stagioni raggiunge le semifinali playoff e la finale di Coppa Italia. Il suo nome nel recente passato è legato alla Fortitudo Bologna, con cui conquista la Supercoppa LNP, la promozione in Serie A1 e la nomina a miglior allenatore dell'anno per la categoria (2018-2019). Nella massima serie ottiene la qualificazione alla Coppa Italia ed alla Champions League primo dello stop per Covid. Dopo una stagione non conclusa a Reggio Emilia in A1, torna alla Fortitudo Bologna con cui conclude l'annata 2021-2022, prima di firmare appunto per l'Unieuro Forlì.Batteria di italiani folta e prestigiosa per Forlì, a partire dal playmaker classe 1999 Fabio Valentini: prodotto del settore giovanile di Casale Monferrato dov'era in forze fino alla scorsa stagione, malgrado la giovane età è già uno dei migliori interpreti del ruolo per la sua velocità e pericolosità offensiva. Al suo fianco, nello slot di guardia, era previsto l'impiego dell'americano classe 1990 Vincent Sanford, proveniente da una stagione a Pesaro in A1, ma un infortunio rimediato nei giorni scorsi gli impedirà di essere della partita.

Al suo posto la società ha richiamato con un contratto di 60 giorni il pari ruolo Nikolas Raivio, classe 1986 dotato di doppio passaporto americano/tedesco, che aveva svolto il precampionato proprio con Forlì prima di lasciare il posto a Sanford: giunto alla sua settima stagione in A2, 'Nik' è stato allenato da Coach Mattia Ferrari a Legnano, mentre è reduce da una salvezza a Piacenza dove è stato ampiamente protagonista. Giocatore che vanta un'importante produzione sia in isolamento che dal palleggio, è noto anche per il suo costante movimento senza palla, soprattutto a rimbalzo.

Agisce da '3' il classe 1997 Luca Pollone, prodotto del settore giovanile di Biella ed artefice della promozione in Serie A2 di Chiusi (2020-2021), dov'è rimasto anche nella scorsa stagione apportando un contributo importante al raggiungimento della semifinale playoff. Specialista difensivo, non bisogna però lasciargli spazio dai 6.75 metri in quanto tiratore molto efficace sugli scarichi.

Dalla panchina esce il jolly Daniele Cinciarini, guardia che nonostante l'età (classe 1983) continua ad impattare in maniera incredibile sul parquet. Cresciuto nel settore giovanile di Pesaro, in carriera vanta una partecipazione all'Eurolega (Avellino 2008/2009) nonchè 32 presenze con la maglia della Nazionale; in maglia Fortitudo Bologna ha sollevato la Supercoppa LNP ed ottenuto la promozione in Serie A1 (2018-2019). Reduce da una super stagione a Ravenna dove ha raggiunto la semifinale playoff, è un giocatore di grande tocco capace di cambiare totalmente l'inerzia delle partite.

Avvicinandoci al ferro troviamo l'americano Nathan Adrian, classe 1995 proveniente da Brindisi (A1), dotato di grande stazza ma al tempo stesso di una mano molto educata, soprattutto da tre punti: il suo positivo impatto a Forlì si è già visto in Supercoppa ed anche nella prima giornata di campionato. Il suo cambio è Todor Radonjic, montenegrino classe 1997 che nel 2020-2021 condusse Fabriano alla promozione in A2: proveniente da una buona stagione in quel di Latina, offre all'Unieuro tanta energia dalla panchina ma anche una notevole pericolosità dalla lunga distanza.

Il totem sotto le plance risponde al nome di Giulio Gazzotti, classe 1991 con larga esperienza in Serie A1: formatosi alla Virtus Bologna, è protagonista con la Vanoli Cremona di una storica vittoria in Coppa Italia ed una qualificazione alla semifinale playoff (2018-2019), mentre due stagioni fa contribuisce in maniera importante alla promozione di Tortona alla massima serie. Reduce anch'egli dalla cavalcata di Ravenna fino al penultimo atto della postseason, è un giocatore dotato di grande atletismo che funge da collante in una squadra con tanti talenti.

A partita in corso Forlì può contare anche sul classe 1995 Lorenzo Benvenuti: scuola Don Bosco Livorno con grande esperienza nella categoria, è un giocatore imponente nella protezione del ferro che, però, può colpire anche dalla lunga distanza. Un altro rinforzo, questa volta nel reparto esterni, è rappresentato dal classe 1998 Lorenzo Penna, cresciuto nelle fila della Virtus Bologna: nonostante diversi infortuni, le prospettive sono rosee per questo ragazzo fresco di promozione in A1 con la maglia di Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'attesa è finita, la serie A2 torna al Flaminio. Rbr affronta la Unieuro Forlì

RiminiToday è in caricamento