rotate-mobile
Basket

Rimini espugna Milano dopo un overtime: ai Play Off sarà sfida con Rieti

La Rinascita passa sul parquet dell'Urania pur priva di capitan Stefano Masciadri e Andrea Tassinari. La cronaca e il tabellino del match

La Rivierabanca prima domina, poi viene recuperata, ma al PalaLido impone ancora legge contro l'Urania Milano dopo un tempo supplementare (82-86 il finale). I biancorossi chiudono la fase a orologio con un super bilancio di 9 vittorie e 1 una sola sconfitta.

Risultato che consente all’Rbr di terminare al sesto posto il girone, un super risultato figlio di un grande recupero nella seconda parte della stagione. Ora la Rivierabanca troverà sul proprio cammino, nei quarti di finale playoff, la Real Sebastiani Rieti.

Si giocherà con il seguente calendario: gara 1 a Rieti sabato 4 maggio ore 21, gara 2 a Rieti lunedì 6 maggio ore 21; gara 3 a Rimini giovedì 9 maggio ore 20,30. Eventuale gara 4 a Rimini sabato 11 maggio ore 20,30. Eventuale gara 5 a Rieti martedì 14 maggio alle 21.

Il match al PalaLido ha visto Rimini in vantaggio anche di 25 lunghezze in principio di ultimo quarto, poi il recupero dell’Urania fino ad acciuffare il supplementare. Poi Rimini nei 5 minuti extra non si fa prendere dalla frenesia e porta a casa i due punti davanti a circa 100 spettatori riminesi in festa.

Da segnalare il risultato con l'assenza di capitan Stefano Masciadri e Andrea Tassinari.

LA PARTITA

Amato, Potts, Severini, Lupusor e Landi per l’Urania. Coach Dell’Agnello mischia le carte e inizia con Grande, Marks, Scarponi, Johnson e Simioni. Parte con un attacco efficace la Rivierabanca: Marks dall’angolo, poi Johnson in isolamento per lo 0-5- Milano recupera fino al -1 (9-10), ma è sempre Rimini a gestire la cronologia: 9-13 nuovo allungo con Johnson.

Poi Pellegrino per il 9-15. Sull’11-20 con l’appoggio di Grande a 1’43 coach Villa si rifugia in time out. Ma in uscita dal minuto di sospensione è ancora Rimini a essere più pimpante: momentaneo massimo vantaggio sul +11 (11-22) a firma Anumba. Nel finale di primo quarto l’Urania ricuce prima con Bonacini poi con Montano 3/3 dalla lunetta dopo fallo di Scarponi. Al 10’ è 17-22.

Apre Bonacini per il 19-22. Ma la partita avanza con Rbr sempre in controllo: alternando le soluzioni i romagnoli volano fino al +13 (21-34) a 5’05”. Lupusor e Amato provano a metterci una pezza, ma i biancorossi continuano bene a muovere la palla e vengono premiati: nuovo massimo vantaggio sul +14 (29-43) a 2’10 dalla pausa lunga con l’autografo di Grande.

Severini e Amato per un break di 5-0, ma Simioni a ruota castiga subito con la tripla del 34-46. Il primo tempo si chiude con i liberi di Landi 36-46. Per la Rivierabanca Johnson vola già a 13 punti, ma è tutta Rimini a tirare bene: 10/23 da due (43,5%) e super 7/11 da tre (63,6%).

La Rivierabanca prosegue impassibile nel dominare il palaLido anche nel corso del terzo quarto. Il divario con il trascorrere dei minuti si incrementa. A 7’22 è Grande a infilare la tripla del +17 (36-53), ma la squadra è sempre più in fiducia e in controllo: Anumba va in schiacciata per il +20 (43-63), Pellegrino a ruota lo imita per il 45-65. Rimini tocca anche il +21 (47-68) ancora con Anumba. Al 30’ il tabellone del PalaLido recita 49-68. Gli uomini di coach Dell’Agnello continuano a tirare con statistiche deliziose: 17/34 (50%) da due e 8/14 (57,1%) da tre punti.

L’ultimo quarto è un colpo di scena ad effetto. Dopo tre azioni la partita sembra essere ampiamente in archivio, dato che gli ospiti arrivano anche a condurre di 25 lunghezze (49-74) con Simioni. Ma l’Urania è un motore a diesel che inizia a carburare tardi, per poi prendere il volo: piazza un parziale mostruoso di 12-0 spinta da Potts e Amato e capisce che sul 61-74 si può ancora giocare. Rimini si sblocca dopo minuti complicati con un canestro di Marks (61-76).

Ma ormai l’Urania ha ritrovato la giusta fiducia: Amato infila due triple, si inserisce nella mischia anche Severini, poi Lupusor dal libero per il -3 (73-76). Si va al fotofinish: a 18” Potts 2/2 per il -1 (75-76). Risponde Marks con il +3 (75-78). Fallo sistematico: Amato fa 1/2, rimbalzo offensivo e Potts dice 78 pari a 5”. Ultima palla in mano a Rimini, la tripla di Tomassini sullo scadere non entra. Supplementare.

Cinque minuti di extratime. Si gioca ormai sulle energie nervose: è un continuo botta e risposta senza strappi: 78-80 Marks, 80 pari Amato, 82-80 Potts, 82 pari Marks. Tomassini dice Rimini ancora +2 (82-84) a 1 minuto dal gong. Errori ambo i fronti, poi la mano di Marks dai liberi non trema (82-86 il finale). La Rivierabanca espugna anche il palaLido.

IL TABELLINO

Wegreenit Urania Milano - RivieraBanca Basket Rimini 82-86 (17-22, 19-24, 13-22, 29-10, 4-8)

Wegreenit Urania Milano: Andrea Amato 20 (5/10, 3/11), Giddy Potts 13 (4/4, 1/8), Ion Lupusor 12 (3/3, 1/3), Giovanni Severini 9 (0/0, 2/6), Gerald Beverly 8 (1/4, 0/0), Davide Bonacini 7 (2/3, 1/2), Aristide Landi 5 (0/0, 1/6), Matteo Montano 5 (0/3, 0/4), Giorgio Piunti 3 (0/2, 1/1), Theo Anchisi 0 (0/0, 0/0), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0), Samuele Solimeno 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 22 / 24 - Rimbalzi: 37 7 + 30 (Giddy Potts 10) - Assist: 21 (Giddy Potts 6)

RivieraBanca Basket Rimini: Derrick Marks 26 (5/9, 1/5), Justin Johnson 15 (4/11, 2/2), Alessandro Grande 11 (2/4, 2/9), Alessandro Simioni 9 (3/7, 1/3), Giovanni Tomassini 9 (1/2, 2/6), Simon Anumba 8 (4/6, 0/1), Francesco Pellegrino 8 (4/6, 0/0), Alessandro Scarponi 0 (0/0, 0/0), Adamu adam Abba 0 (0/0, 0/0), Simone Bonfè 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 20 - Rimbalzi: 37 7 + 30 (Justin Johnson, Alessandro Simioni 9) - Assist: 20 (Alessandro Grande 6)

Il calendario dei playoff contro Rieti

- gara 1 a Rieti sabato 4 maggio ore 21
- gara 2 a Rieti lunedì 6 maggio ore 21
- gara 3 a Rimini giovedì 9 maggio ore 20,30
- Eventuale gara 4 a Rimini sabato 11 maggio ore 20,30
- Eventuale gara 5 a Rieti martedì 14 maggio alle 21.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini espugna Milano dopo un overtime: ai Play Off sarà sfida con Rieti

RiminiToday è in caricamento