Mercoledì, 17 Luglio 2024
Calcio

Il Rimini ospita l'Alcione dopo la sconfitta nel derby di Ravenna, Gaburro: "La volata comincia adesso"

"Quello che tu farai dipenderà da queste prossime partite e non certo dalla partita del 'Benelli'"

Il Rimini vuole riprendere la sua cavalcata verso la serie C dopo la sconfitta di Ravenna. I biancorossi mercoledì alle 15 torneranno nel fortino del Neri per ospitare l'Alcione, 12esimo in classifica con 40 punti, contro i 79 del Rimini, primo a +5 sul Ravenna. Milanesi reduci dalla tennistica vittoria per 6-1 contro l'Athletic Carpi, all'andata i ragazzi di Gaburro vinsero 2-0 coi gol di Germinale e Greselin. "La volata ho sempre pensato e sempre detto che sarebbe iniziata dopo lo scontro diretto - attacca il tecnico biancorosso alla vigilia della gara -. Sono sei partite molto importanti, molto delicate. Penso che quando si gioca questo tipo di volata bisogna poi essere bravi a focalizzarsi sull’impegno successivo perché ovviamente più si va verso la fine più la dimensione di quelli che sono i fatti e gli avvenimenti viene amplificata sul post partita, quindi gli scenari cambiano moltissimo anche solo da una partita all’altra. In questo momento la partita unica alla quale dobbiamo pensare è quella di domani ed è una partita fondamentale, che può già da domani cambiare quello che è lo scenario".

L'allenatore analizza poi l'Alcione, che rispetto all'andata non è affatto reduce da un periodo particolarmente negativo. "Intanto è uno di quegli avversari che forse ha qualche punto in meno rispetto al potenziale che ha perché comunque ha una rosa molto tecnica. Avevamo detto anche all’andata questa cosa, però all’andata venivano da un periodo particolarmente negativo. Avevano fatto una partita in casa anche un po’ speculativa, ma per forza di cose: avevano perso Piccinocchi nel riscaldamento, si erano un po’ adattati, era la prima volta che giocavano all’Arena, quindi c’era magari anche un po’ di tensione. Io penso che domani loro stiano meglio mentalmente rispetto a come li avevamo trovati all’andata, penso che faranno una partita con il loro modulo, cioè con il 4-3-1-2, che di fatto hanno sempre utilizzato tranne in quella finestra diciamo invernale un po’ di difficoltà. Al di là che siano più aggressivi o che aspettino un po’ di più, è sempre una squadra che ha nel dna il possesso palla, è una squadra che ha nel dna il palleggio e quindi penso che dal punto di vista calcistico possa essere una partita piacevole".

Gaburro torna poi sul derby perso 2-0 a Ravenna, dimostrando serenità e senza accennare minimamente preoccupazione: "In positivo ha dato che è passata una partita e siamo a +5, questo sicuramente è positivo. Dobbiamo essere sempre realisti: due settimane fa eravamo a +5 e dovevamo ancora fare lo scontro diretto, e tutti erano contenti che stavamo a +5. Adesso siamo a +5 e tutti sono preoccupati che siamo a +5, e abbiamo già fatto lo scontro diretto. E' una cosa un po’ atipica. Io penso che bisogna essere molto realisti e molto tranquilli da questo punto di vista. E' ovvio che sarebbe stato meglio chiudere il campionato rispetto a non chiuderlo. Nessuno si nasconde dietro a questa frase, però è anche vero che quello che tu farai dipenderà da queste partite che avrai fatto e non certo dalla partita del 'Benelli'". Saranno tutti disponibili i biancorossi eccezion fatta per Tomassini, che avrà bisogno di un paio di settimane per recuperare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Rimini ospita l'Alcione dopo la sconfitta nel derby di Ravenna, Gaburro: "La volata comincia adesso"
RiminiToday è in caricamento