rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Calcio

Scontro al vertice tra Lentigione e Rimini, Gaburro sereno: "Il risultato di domani non sarà decisivo"

"Al di là del significato che gli si può attribuire dal di fuori anche loro sanno che è una partita importante ma non decisiva"

Un big match da non fallire per la capolista Rimini, che domenica pomeriggio (ore 14:30, diretta in chiaro su Sportitalia) sarà impegnato sul campo del Lentigione, a -3 dai biancorossi ma con una partita da recuperare. I ragazzi di Gaburro sono chiamati a una reazione dopo la brutta sconfitta maturata mercoledì contro il Ghivizzano. L'allenatore alla vigilia del match sottolinea come questa gara non sia decisiva, mancando al termine del torneo ben 20 partite: "Non c'è 'la partita'. Ci sono 20 partite da qua alla fine. Non credo in questa cosa. Penso che qualunque risultato esca domani non sia decisivo per niente. Siamo tre squadre lì davanti, mi sembra che si veda. Può essere più interessante il confronto con l’avversario, dal punto di vista delle sensazioni che si hanno in campo, un po’ com’è stato anche col Ravenna nello scontro diretto, cioè finita la partita si è usciti con un’idea di quella che poteva essere la nostra forza in quel momento lì e quella dell’avversario a prescindere dal risultato". "Penso che valga molto questo aspetto psicologico durante la gara - continua -, molto più di quello che può essere il risultato di una partita che è importante però non è di certo decisiva a venti dalla fine. Certo, se fossimo all’ultima partita di campionato direi di sì, ma ne mancano venti. Non è una partita da calcoli, questa è una partita da giocare e da giocare proprio con la voglia di misurarsi con un avversario che sta facendo bene, come te”.

Dal Lentigione, Gaburro si aspetta lo stesso spirito del Rimini: "Al di là del significato che gli si può attribuire dal di fuori anche loro sanno che è una partita importante ma non decisiva. E quindi penso debba prevalere sempre la voglia di imporsi sulla paura, che poi la paura penso che né noi né loro ce l’avremmo comunque, però in un momento del genere ancora di meno perché sei molto lontano dal traguardo e devi avere invece secondo me proprio la voglia di giocare una partita a viso aperto, che non vuol dire scriteriata. Qualcuno mi ha chiesto se sarà una bella partita, gli ho risposto: 'spero di no', nel senso che a me non interessa che sia una bella partita, a me interessa che la squadra faccia risultato in un campo molto piccolo, molto veloce, dove ci sono tanti contatti fisici, quindi dov’è difficile vedere azioni prolungate. Sarà una partita dove l’arbitro sarà importante nella capacità e nella personalità di dirigere la partita, ma anche di interpretarla perché un campo così prevede tanti contatti, prevede probabilmente tanti falli o non falli, e questa cosa inciderà sulla partita secondo me”. Al posto dello squalificato Lo Duca giocherà Deratti, l'ultimo arrivato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro al vertice tra Lentigione e Rimini, Gaburro sereno: "Il risultato di domani non sarà decisivo"

RiminiToday è in caricamento