rotate-mobile
Calcio

Promozione, debutto casalingo per il S. Ermete contro il neopromosso Forlimpopoli

C’è tanta curiosità attorno al nome del S.Ermete Calcio per l’importante campagna acquisti realizzata nella sessione estiva

Domenica alle 15:30 il S. Ermete torna a giocare a distanza di quattro mesi nel proprio stadio. A differenza della precedente stagione, questa volta la formazione di Mancini giocherà le gare interne fin da subito al “S.Ermete Stadium”. Lo scorso anno la squadra traslocò provvisoriamente nella vicina Spadarolo. La squadra di Mancini affronterà il Forlimpopoli che nella prima giornata ha subito trovato i tre punti grazie al successo ottenuto sulla Stella liquidata con un netto tre a zero con le firme di Marzocchi, Chiarini e Fabbri. Non fortunato invece, il debutto in stagione dei verdi, che hanno subito il primo ko a cura del Fratta Terme. Una situazione non facile e delicata per il club di Martino con soli quattordici uomini disponibili. Eppure la squadra ha tenuto il campo subendo un gol per tempo, punita con il risultato all'inglese.

Inutile negarlo. C’è tanta curiosità attorno al nome del S.Ermete Calcio per l’importante campagna acquisti realizzata nella sessione estiva. Uomini d’esperienza che dovrebbero garantire un salto di qualità e meno patemi rispetto al passato. Il presidente Martino aveva chiesto un campionato all'altezza del blasone, il dirigente Molari, semplicemente di mantenere la categoria. Il S. Ermete vuole vivere la giornata, secondo quello che accadrà in campo, è possibile capire il futuro e che risposte possa dare il nuovo progetto. Quest’anno ci sono tanti giocatori esperti e alcuni giovani interessanti che secondo la dirigenza potrebbero giocare anche in categorie superiori, insomma strada facendo conosceranno il loro destino. C’è grande rispetto per il Forlimpopoli ma Mancini come del resto la squadra si aspettano importanti risposte visto il debutto amaro. L’incremento della rosa con gli Under necessari per l’obbligo della categoria dovrebbe portare tranquillità all'interno dell’ambiente. Inoltre tra le mura amiche ci si aspetta l’aiuto del pubblico, parametro da non trascurare considerando le ultime stagioni.

Per il dirigente storico Maurizio Molari (in foto) è l’inizio del ventesimo campionato tra i verdi. Un’icona del calcio locale e un calciofilo per gli stessi addetti ai lavori. La figura di Molari, inutile negarlo, è fondamentale per il presente e per il futuro del S.Ermete: Il giusto mix di saggezza ed esperienza che serve anche ad accantonare polemiche inutili e a coordinare un ambiente che da sempre ha fatto della tranquillità la sua arma migliore. Lo scorso anno l’inizio del torneo portò gli stessi problemi attuali con molti calciatori tesserati alle prese con la stagione balneare. L’inizio del torneo non fruttò nessun punto nelle prime due giornate di campionato. Quest’anno l’obiettivo del S. Ermete è quello di provare subito a muovere la classifica cercando di partire da un piccolo miglioramento che garantirebbe il primo sorriso in stagione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione, debutto casalingo per il S. Ermete contro il neopromosso Forlimpopoli

RiminiToday è in caricamento