Martedì, 18 Maggio 2021
Sport

Tour in bici di Stoner per Misano alla ricerca di una crema protettiva

Stoner si è reso protagonista anche di un simpatico episodio al'Hotel Ambasciatori di Misano Adriatico. I proprietari dell'attività inizialmente non hanno realizzato di trovarsi davanti l'ex campione del mondo di Ducati e Honda

Foto di Marzio Bondi

Tra i protagonisti del World Ducati Week, la kermesse che ha richiamato lo scorso fine settimana al Misano World Circuit "Marco Simoncelli" ben 81mila spettatori, c'era anche l'ex campione del mondo Casey Stoner. L'australiano nei giorni che hanno preceduto l'invasione rossa è stato impegnato in una due giorni di test in sella alla Ducati Desmosedici GP16. Il numero 27 ha girato fortissimo, ai livelli del record del tracciato. Ma Stoner, come lui stesso ha confessato, non ha "piani per il futuro. Al momento penso solo ai test in Austria e voglio essere fisicamente pronto". L'ex iridato ha schivato così l'ennesima domanda sul suo possibile rientro in MotoGp con una wild card. "Qui è stata una tornata di test molto positiva. Abbiamo fatto dei grandi passi in avanti nei settori che guardavamo". A chi gli ha chiesto dei reali limiti della moto, l'australiano ha risposto: "Il potenziale della Demosedici attuale è molto più alto rispetto ai risultati di quest'anno. Dobbiamo lavorare per raggiungere posizioni migliori".

Stoner si è reso protagonista anche di un simpatico episodio al'Hotel Ambasciatori di Misano Adriatico. I proprietari dell'attività inizialmente non hanno realizzato di trovarsi davanti l'ex campione del mondo di Ducati e Honda: "Mentre ero nell'ufficio con mio padre che stavamo chiudendo alcuni conti - esordisce Andrea Serafini, figlio del titolare dell'albergo - si è presentato un ragazzo magro magro, che, con assoluta umiltà e accortezza, è entrato in hotel appoggiando la sua bici sul muretto, chiedendo se avevamo della crema protettiva o se conosceva un negozio dove poterla comprare". "Ripresi dall shock - aggiunge Serafini - gli abbiamo spiegato la strada ed invitato a tornare a correre che solo lui poteva fare certi numeri con la Ducati in mano. Dopo 5 minuti di risate e scherzi ci siamo fatti la foto di rito e se nè andato sulla sua bici chiaramente rossa Ducati".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tour in bici di Stoner per Misano alla ricerca di una crema protettiva

RiminiToday è in caricamento