Si respira aria di Motomondiale: inaugurate le mostre di "Rimini Motor Soul"

Al Teatro Galli è stata inaugurata la mostra "I colori del motomondiale", che rinnova il connubio tra il Comune di Rimini e Drudi Performance

Foto di Marzio Bondi

A Rimini già si respira il clima del Motomondiale con le iniziative "Rimini Motor Soul, The Riders’ Land Experience". Sabato pomeriggio è stata inaugurata "Racing Shot", la mostra fotografica al Teatro Galli con gli scatti dei professionisti accreditati nel "Circus" del Motomondiale. Alla Far si trovano invece una carrellata delle moto Ducati più rappresentative con l'esposizione "La Rossa e il Lungomare: 1946 – 2016, 70 anni di passione Ducati in Riviera". Sempre al Teatro Galli è stata inaugurata la mostra "I colori del motomondiale", che rinnova il connubio tra il Comune di Rimini e Drudi Performance.

L’esposizione, curata insieme al designer Aldo Drudi, è divenuto un appuntamento tradizionale del calendario di eventi collaterali al Gran Premio ed è uno dei più attesi dal pubblico, che fino al 10 settembre potrà ammirare delle show bikes ufficiali dei maggiori team della Motogp, dei caschi e delle tute dei campioni, studiati e disegnati da Drudi, realizzati da fabbriche altamente specializzate come Spidi Sport. Quest’anno la mostra avrà una declinazione particolare, incrociando le celebrazioni del 600esimo anniversario di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Ribattezzata “Le Dame, i Cavalier, l’Arme e i motori”, la mostra propone un affascinante confronto tra le tute avveniristiche e hi tech dei centauri di oggi e le armature dei cavalieri rinascimentali.

Elisa Tosi Brandi e Thessy Schoenholzer Nichols hanno ideato un'esposizione dove gli abiti antichi e contemporanei dialogano tra loro, mettendo in evidenza la bellezza formale delle soluzioni sartoriali medievali, in grado di offrire spunti di ispirazione per la moda e l’abbigliamento sportivo del futuro. Ne sono esempi i farsetti in pelle realizzati dalla Spidi Sport su esemplari del XV secolo, tra cui quello di Pandolfo III, e le tute di Aldo Drudi concepite meditando sulle armature di fine medioevo, da cui il designer ha ricavato idee per progettare indumenti dalle elevate performance in termini di agilità e sicurezza. Questa sezione della mostra proseguirà fino al 29 ottobre.

Alle mostre saranno affiancate iniziative collaterali come una rassegna di film nella Cineteca Gambalunga, mentre nel Villaggio Ducati in Piazzale Fellini, dall'8 al 10 settembre, gli appassionati della Rossa di Borgo Panigale troveranno animazione, stand enogastronomici e con accessori, e possibilità di fare test drive dei nuovi modelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

Torna su
RiminiToday è in caricamento