Poche risorse economiche: la Karatella Race si prende un anno di pausa

Birocci, carioli e altri mezzi, frutto dell'inventiva degli appassionati, resteranno fermi ai box. A comunicare la decisione "molto dolorosa e presa con grande rammarico" è il comitato organizzativo

La Karatella Race,  l’evento corianese tra le manifestazioni più seguite e attese dell’estate romagnola, si prende un anno di pausa. Birocci, carioli e altri mezzi, frutto dell'inventiva degli appassionati, resteranno fermi ai box. A comunicare la decisione "molto dolorosa e presa con grande rammarico" è il comitato organizzativo. Nata come un gioco e organizzata come tale, di anno in anno, la Karatella Race si è tramutata da un evento gestito a livello amatoriale da un gruppo di amici, ad una manifestazione sempre più importante, non solo dal punto di vista delle presenze, ma soprattutto a livello organizzativo.

Negli anni ha raccolto sempre più partecipanti fino ad arrivare a oltre 150 equipaggi provenienti da tutta Italia, tra cui molti piloti del motomondiale e portando oltre 10.000 persone durante l’evento che tradizionalmente si svolge a cavallo del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Tra le guest-star della manifestazione anche l'indimenticato Marco Simoncelli. L'evento aveva anche uno scopo solidale: il ricavato veniva devoluto a sostegno dei progetti dell’Associazione Dottor Clown di Rimini.

"SERVONO RISORSE" - "Così, un passatempo si è trasformato in un’attività che ha richiesto sempre più impegno, togliendolo alle attività principali che ognuno dei componenti dello staff organizzativo svolge normalmente - spiegano gli organizzatori -. La Karatella Race ogni anno ha potuto contare sulle forze di tantissimi volontari – oltre 100 nell’ultima edizione  – ma la voglia di mettersi in gioco ora non può più bastare da sola a sorreggerla in modo adeguato e professionale. Per fare questo ci vogliono risorse umane ma soprattutto economiche".

"ANNO SABBATICO" - "Ci auguriamo - aggiungono dall'associazione - che questo anno sabbatico possa essere utile per comprendere che un evento come la Karatella Race, che si è meritato sul campo di essere inserito negli eventi ufficiali del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini di MotoGP, debba essere considerato un valore aggiunto e un prodotto turistico per il territorio in cui si svolge. Da parte nostra rimane la voglia di continuare a divertirci facendo solidarietà così come avvenuto durante tutte le edizioni dell’evento. Siamo convinti che per noi questa pausa sarà utile per caricare le batterie e partire con ancora più forza verso l’anno che verrà".

LA NOTA DEL COMUNE - Sulla questione è intervenuta anche l'amministrazione comunale di Coriano: "Ci rammarica il fatto che “Karatella Race 2014” non verrà mai realizzata, ricordando che la paternità e la responsabilità organizzativa non sono del Comune di Coriano e certi delle buone intenzioni degli organizzatori per il proseguo della manifestazione per gli anni a venire, siamo a ribadire l’importanza che manifestazioni come questa assumono per il nostro territorio. Sin da quando erano sorti i primi dubbi da parte dell’ organizzazione, sulla possibilità di realizzare l’evento, nonostante le risorse finanziarie messe a disposizione dal Comune, pari a 3mila euro, l’Amministrazione si è attivata al fine di recuperare altre utili risorse fino a riuscire a portare sul territorio, grazie all’ interessamento del presidente Stefano Vitali, ulteriori 5'000,00 euro destinati all’ evento da parte della Provincia di Rimini".

"Nonostante questo e la disponibilità personale degli amministratori a impegnarsi nella preparazione - conclude il Comune - l’organizzazione ha ritenuto di dover ribadire la propria intenzione a non confermare l’evento per l’ anno in corso, e noi, come amministrazione, non possiamo che prenderne atto e sperare che per i prossimi anni si possa nuovamente veder sfrecciare la Karatella Race per le strade del nostro comune. Un grazie a tutti i ragazzi di Karatella Race, alle decine di volontari che permettono la realizzazione di manifestazioni simili e ai tanti appassionati".

2013, CHE SUCCESSO! - Nel 2013 i due giorni di festa hanno calamitato a Coriano oltre 11.000 visitatori: 3.000 nella serata di sabato e 8.000 nella giornata di domenica. Sul tracciato di gara si erano sfidati 91 equipaggi provenienti da tutta la Romagna, dalle Marche, da Brescia, Perugia e persino dall’Olanda. Sempre più numerosi i piccoli piloti: sono stati 18 gli Juniores, tra cui 3 bimbi di 7 anni di età di Coriano e Riccione, a correre  assieme ai papà. Tantissimi i personaggi famosi presenti, dai comici di Zelig Paolo Cevoli, Claudia Penoni, Marco Dondarini, lo stuntman Roberto Poggiali e il campione internazionale di Bike Trial, Alessandro Allegretti ai i piloti Alex De Angelis, Mattia Pasini, Niccolò Antonelli, Lorenzo Baldassarri, Matteo Ferrari, Alessandro Tonucci e Danilo Petrucci, dal Campionato Supersport Massimo Roccoli, Lorenzo Savadori, Matteo Gnesi, Giorgio Ioli, Fabio Menghi, Alex Baldolini e Dino Coppola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento