Lunedì, 14 Giugno 2021
Sport

Lorenzo, poca gloria a Misano. E Marquez e Crutchlow ringraziano

Con l'errore di Lorenzo sono saliti sul podio Marc Marquez e Cal Crutchlow. Spiega il leader del campionato: "Rispetto al warm-up la moto scivolava di più.

Foto di Marzio Bondi

"Non è stata la gara che ci aspettavamo". È comprensibile la delusione di Jorge Lorenzo, caduto a due giri dalla fine mentre era in seconda posizione alle spalle di Andrea Dovizioso. "Siamo stati competitivi e credo che ci saremmo potuti giocare la vittoria - evidenzia il 99 -. Faceva molto più caldo rispetto ai giorni scorsi e il grip non era ideale, e quindi abbiamo dovuto scegliere pneumatici più duri del solito, soprattutto più duri di come piace a me".

Lorenzo confessa di aver "sofferto molto nelle frenate perché non riuscivo a fermare la moto e mi si chiudeva l’anteriore, e la situazione era molto difficile da gestire. Questa è stata la causa principale della mia caduta: ho dovuto forzare più del solito perché avevo perso troppo tempo lottando con Marquez e Andrea ne aveva approfittato per allungare. Adesso dovremo analizzare bene i dati per capire come migliorare la moto e riuscire ad essere ancora più veloci nelle prossime gare".

Con l'errore di Lorenzo sono saliti sul podio Marc Marquez e Cal Crutchlow. Spiega il leader del campionato: "Rispetto al warm-up la moto scivolava di più. Jorge è caduto ed ho preso quattro punti in più. Ma le Ducati erano difficili da passare. Dovizioso è stato straordinario". Il 93 manca la vittoria dal Sachsenring: "Nei weekend si parte per vincere. Poi se non si può l'importante è finire sul podio". Sorride Crutchlow: "C' stato un weekend positivo. Sapevo di essere veloce, la moto ha fatto molti progressi specie in frenata. Anche il motore è buono. La scelta della gomma dura all'anteriore è stata positiva e nel finale ho gestito con tranquillità. È un podio importante per il team nella gara di casa". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lorenzo, poca gloria a Misano. E Marquez e Crutchlow ringraziano

RiminiToday è in caricamento