Moto2 e MotoE, il Gresini Racing punta sui talenti riminesi: Bulega, Ferrari e Zaccone

Fausto Gresini punta forte sui talenti riminesi. Imola ha fatto da cornice alla presentazione del Gresin Racing

Matteo Ferrari e Alessandro Zaccone in MotoE. Nicolò Bulega in Moto2. Fausto Gresini punta forte sui talenti riminesi. Imola ha fatto da cornice alla presentazione del Gresin Racing. Il progetto mondiale è un cantiere in costante crescita e per questa stagione non ci saranno eccezioni: confermati Matteo Ferrari, Campione in carica della neonata classe elettrica e Gabriel Rodrigo, asso della categoria cadetta, saranno ben quattro i volti più o meno nuovi ad entrare a far parte della "Gresini Family".


 
Al fianco dei già citati Matteo e Gabri, ci saranno infatti i giovanissimi Zaccone per il Team Trentino Gresini MotoE e Jeremy Alcoba per il Team Kömmerling Gresini Moto3. Due diamanti in grezzo che Fausto Gresini ha pescato tra Civ e Cev e voluto fortemente. Se per l’italiano, 21enne di Rimini, sarà la prima volta assoluta sulla scena mondiale MotoGP, per il catalano numero 52 non del tutto: Alcoba si era infatti conquistato sul campo lo scorso anno la promozione a pilota regolare dopo aver fatto bene in Austria e benissimo in Inghilterra come sostituto proprio di Rodrigo.
 
Il progetto più ambizioso diventa per forza di cose quello della classe intermedia dove cambia tutto a partire dal ritorno un box a due piloti, con Edgar Pons e Nicolò Bulega che comporranno una line-up giovane, ma di grande potenzialità. Se lo spagnolo vanta già due stagioni nel mondiale e ci torna ora da Campione Moto2 del Cev, Bulega ha sicuramente già dato prova di essere pronto per questa categoria lo scorso anno. Il team sarà ancora una volta firmato da Federal Oil come main sponsor, tra i più longevi di tutto il mondiale.

"La famiglia Gresini cresce e quest’anno schiereremo ben sei piloti in queste tre categorie, includendo un secondo pilota in Moto2, fondamentale per essere competitivi - afferma Gresini -.  In MotoE siamo Campioni e sappiamo che sarà difficile riconfermarsi, ma non c’è maniera migliore di provarci confermando Matteo innanzitutto. A fianco a lui ci sarà Zaccone, un giovane che segue le orme di Matteo prima nel CEV e ora qui: è una categoria innovativa in cui io sono convinto che i giovani siano la chiave. In Moto3 arriviamo da un anno di grandi delusioni e sappiamo di avere un team molto competitivo".

Chiosa il team manager romagnolo: "Abbiamo voluto fortemente Rodrigo come nostro pilota di punta e de dire che l’ho visto davvero bene in questo inizio di stagione. Con lui ci sarà Alcoba, che dovrà adattarsi alla Honda arrivando da un’altra moto, ma sta facendo già il suo. Sono convinto che possiamo fare molto bene qui e stare con i migliori della categoria. Infine in Moto2 abbiamo fatto i maggiori investimenti e finalmente avremo un pilota italiano a difendere i nostri colori. Con Bulega e Pons credo si sia creata una squadra forte e competitiva. Voglio chiudere ringraziando tutti i nostri sponsor che credono in noi e che vogliamo ripagare con una stagione ad alto livello".

Parola ai piloti

Ferrari si presenterà sulla griglia di partenza come il pilota da battere: "In questa stagione, con un anno di esperienza alle spalle che dobbiamo sfruttare, ci saranno da limare i dettagli e ci sono anche alcune cose da migliorare. Abbiamo già analizzato tutte le gare e i test dello scorso anno e dovremo capire bene dove posso migliorare io con lo stile di guida e dovremo capire bene cosa migliorare a livello di assetto sulla moto. Sarà fondamentale vedere quali saranno le modifiche che apporterà Energica alla nuova moto e adattarsi il più in fretta possibile. Quando devi difendere il titolo bisogna adattarsi in fretta alle novità e ai nuovi avversari. Non sarà facile ripetere il successo dello scorso anno ma abbiamo le carte in regola per ferlo. Quest’anno si aggiunge Assen al calendario che io ho già assaggiato con la Moto3 e devo dire Jerez la considero nuova perché lo scorso anno abbiamo davvero girato poco e con 6 giorni di test tutti saranno molto competitivi alla prima gara. L’obiettivo è sempre migliorarsi, quindi partiamo con le idee ben chiare. Con Alessandro ci conosciamo da tantissimo tempo e, in alcune gare, abbiamo corso insieme. Questo può essere buono per il campionato e, sicuramente, ci daremo una mano a vicenda. Per il futuro la MotoE, se è stata inserita in un contesto come la MotoGp, crescerà ancora. Nel 2022 ci saranno altre case, oltre a Energica, e so che molti team stanno investendo in questo contesto quindi sarà un campionato parallelo molto interessante".
 
"È il mio primo anno nel mondiale che conta, anche se ho già corso nel mondiale Superbike (classe Supersport, ndr) - afferma Zaccone -. Sono emozionatissimo, ma allo stesso tempo carico a molla. È un sogno che si realizza, quindi il primo passo fondamentale per me sarà rimanere concentrato e con i piedi per terra, soprattutto nelle prime gare dove dovrò capire la moto. Ho già chiesto consigli a Matteo (Ferrari) che ha mi spiegato un po’, ma da pilota quello che aspetto con ansia è di provarla la moto. Negli anni ho praticamente perseguitato Fausto per riuscire a correre con lui, quindi ora speriamo solo che sia l’inizio di un sogno che in parte si è già avverato. Mi incoraggia avere Matteo come compagno di squadra e cercheremo di essere entrambi competitivi in gara. Sicuramente è una moto che va guidata con dolcezza, con tanta percorrenza e tanto angolo, poi spero di salire in sella il prima possibile per capire quali sono le novità. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ottimista Bulega, velocissimo già nei test: "Sono molto preparato e, allo stesso tempo, anche sereno e questo me lo porto in pista. A casa ho cambiato stile di vita e sono contento della scelta che ho fatto, senza rimpianti per il passato. L'anno scorso ho avuto un po' di difficoltà, dovute all'esordio in Moto2, ma per questa stagione l'esperienza maturata mi aiuterà sicuramente. Fisicamente sono a posto a differenze degli altri anni quando iniziavo con qualche acciacco fisico. Mi sono allenato bene per tutto l’inverno e sono molto carico. C’è tanta convinzione e credo che il percorso che stiamo facendo sia molto positivo. Con il team c’è stata subito sintonia, sia nei test di novembre che in quelli di inizio settimana. C’è serenità e professionalità nel team e credo fosse esattamente quello di cui avevo bisogno. Ovviamente c’è tanto da lavorare e la moto nuova la stiamo ancora scoprendo poco a poco, ma già nei test di Jerez abbiamo fatto una buona progressione e c’è tanta convinzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Col monopattino elettrico in A14, bloccato dalla polizia in autostrada

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

  • Ristorante riminese nel top restaurant di TripAdvisor

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento