Moto3, il riminese Marco Bezzecchi arriva a Le Mans da leader del campionato

In testa alla classifica generale, se la dovrà vedere con un Enea Bastianini e un Andrea Migno a caccia di riscatto oltre a un agguerrito Niccolò Antonelli

Tornano in pista i campioni riminesi della Moto3 che, questo fine settimana, saranno impegnati nel Gran Premio di Francia sulla storica pista di Le Mans. Alla vigilia della quinta tappa del Motomondiale, la classifica generale vede Marco Bezzecchi (Redox PruestelGP) al primo posto con 63 punti. Per quanto riguarda gli altri riminesi, segue Enea Bastianini (Leopard Racing), sesto (33 punti), Niccolò Antonelli (Sic58 Squadra Corse), ottavo (26 punti) e Andrea Migno (Angel Nieto Team Moto3) 11esimo (25 punti). Costruito nel 1965 e situato a circa 200 km a sud-est di Parigi, il circuito è noto agli appassionati dei motori per le sue numerose gare di endurance. Le Mans non è una pista facile da affrontare, perché caratterizzata da forti staccate e grandi accelerazioni; il tracciato francese misura 4,2 km che si snodano in 5 curve a sinistra e 9 a destra, con un rettilineo di 674 metri.

"Ripartiamo da Jerez con un bel secondo posto in gara - ha spiegato Marco Bezzecchi. - E anche con il primo posto in classifica generale, che fa sicuramente bene al morale, ma che non ci deve togliere i piedi da terra. Devo dire che inizio a prenderci gusto ad arrivare nei primi, ma so che ogni gara è una storia a se. Sappiamo di avere una moto competitiva e la squadra davvero forte. Sono anche in una buona forma fisica, grazie al lavoro in VR46 Academy.  Per me l’importante adesso è cercare di rimanere li nel gruppo di quei cinque e sei che si giocano il Mondiale e dare sempre il massimo. Gara dopo gara". "Non sono ancora al 100% - aggiunge Enea Bastianini che, dopo essere stato buttato giù dalla moto a Jerez è a caccia della rivincita. - Il mio obiettivo è colmare il divario in classifica con i diretti rivali e questo tracciato, dove ho conquistato il podio nel 2015, mi piace particolarmente".

"Le Mans è una pista storica che a me piace molto - è stato il commento di Niccolò Antonelli. - Ora subito al lavoro con la mia squadra per preparare una base di partenza per le prime prove libere. Quest'anno con la Honda, sarà tutto diverso e non voglio trovarmi impreparato. Il meteo dovrebbe essere buono, così da poter fare le prove sempre con le stesse condizioni. La squadra è sempre sul pezzo e lavoriamo duro". "Quello di Le Mans è un circuito che mi piace e dove questo fine settimana abbiamo la possibilità di recuperare la gara di Jerez, dove alla fine non siamo riusciti a segnare un buon risultato - spiega Andrea Migno. - Sono pronto e proveremo a fare un altro ottimo lavoro, come abbiamo fatto ad Austin ea Jerez fino al warm-up. "Con tutto il Team, stiamo continuando a lavorare per ricucire il gap dai primi e tornare ad essere competitivi - è stata l'analisi di Nicolò Bulega. - A Jerez abbiamo fatto uno step, il distacco cronometrico dal gruppo si è ridotto e, ad Aragon, durante i test abbiamo fatto un altro passo in avanti. A Le Mans, una pista di cui mi piace soprattutto il T1, continueremo in questa direzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento