Moto3, Gp d'Italia. Nella bagarre trionfa Oliveira. Bastianini quinto

La vittoria è andata al portoghese Miguel Olivera, davanti al leader del campionato Denny Kent e a Romano Fenati.

Piloti riminesi protagonisti nello spettacolare Gran Premio d'Italia al Mugello classe Moto3.  Il pilota del Gresini Racing Team Moto3 Enea Bastianini ha chiuso al quinto posto. Scattato dalla terza fila e rimasto sempre in lotta nel gruppo di testa, nell'incertissima volata finale il diciassettenne riminese non è però riuscito ad agguantare il podio per pochi centesimi, complice anche un lieve contatto con Niccolò Antonelli (poi sesto, ndr) all'ultima curva, che lo ha costretto ad allargare la traiettoria. La vittoria è andata al portoghese Miguel Olivera, davanti al leader del campionato Denny Kent e a Romano Fenati.

“È stata una gara molto bella anche se difficile - ha esordito Bastianini - perché all’ultima curva non puoi mai sapere come va a finire. In realtà ad ogni giro anche in fondo al rettilineo potevi ritrovarti in un attimo da terzo a ultimo del gruppetto. Su questo circuito le gare sono sempre tiratissime, ma ci siamo divertiti- Nel finale ho dato il massimo, purtroppo non sono riuscito a superare i piloti davanti a me perché all’ultima curva Antonelli mi ha toccato leggermente la ruota posteriore e sono stato costretto ad allargare leggermente la traiettoria. In ogni caso sono contento, la moto andava molto bene sia di motore che di ciclistica; per le prossime gare dovremo soltanto migliorare un po’ il consumo delle gomme, perché verso la fine della gara avverto sempre un po’ di differenza”.

MOTO 2 - Il weekend del Mugello si è chiuso positivamente per Mattia Pasini, al via del Gran Premio d’Italia in veste di Wild Card in sella alla Kalex del Team Gresini Moto2. Assente dalle competizioni dallo GP conclusivo della stagione 2014, il pilota romagnolo è partito bene dalla sesta fila, risalendo al quinto giro fino alla tredicesima posizione e tagliando alla fine il traguardo diciottesimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La moto andava veramente bene e sinceramente mi garantiva il potenziale per permettermi di stare assieme ad Alex Rins e Alex Marquez, nelle posizioni subito a ridosso della top ten - ha esordito -.  Affrontare una gara dopo un periodo di stop però non è affatto facile: di fatto, ho dovuto riabituarmi a tante situazioni, alle quali i miei rivali si erano già abituati nella prima gara della stagione. Posso perciò ritenermi soddisfatto di questa prestazione: abbiamo fatto un bel weekend e anche se avrei potuto raccogliere di più, è anche vero che l’importante era vedere la bandiera a scacchi, senza commettere errori. Ci siamo riusciti e credo che questa sia stata la maniera giusta per provare a intraprendere un nuovo cammino”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

  • Test sierologico gratuito, ecco le farmacie della provincia di Rimini che aderiscono

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento