Moto3, Misano drammatica per i piloti riminesi: costretti a lacrime di rabbia

Pauroso incidente a due giri dal via che ha visto carambolare sull'asfalto cinque piloti tra cui Bastianini e Bulega

Sventola il tricolore e suona l'inno di Mameli sul podio della Moto3 a Misano. Al termine di 23 giri da cardiopalma uno strepitoso Lorenzo Dalla Porta (Leopard Racing) si è imposto su Jorge Martin e Fabio Di Giannantonio, entrambi portacolori del team Del Conca Gresini Moto3. Per Dalla Porta. 21 anni, si tratta del primo successo nel Motomondiale. Tantissima rabbia per i piloti riminesi. Un high-side ha tolto di scena al penultimo passaggio l'ex leader del campionato Marco Bezzecchi, mentre occupava la prima posizione. Fuori dai giochi anche Bastianini e Bulega, coinvolti in una paurosa carambola sul rettilineo del traguardo, fortunatamente senza conseguenze. Con i 20 punti incassati in Romagna, Martin torna in testa al campionato con 8 punti di vantaggio su Bezzecchi. Settimo Dennis Foggia, nono Andrea Migno e decimo Niccolò Antonelli.

La gara

Ottima partenza per Bezzecchi che, dopo aver studiato la lotta tra Gabriel Rodrigo e Di Giannantonio davanti a lui, è riuscito a sorpassarli entrambi conquistando subito la testa della pista. All'inizio del tezo giro, all'uscita della Curva 16 che immette sul rettilineo, un pauroso high side di Jaume Masia ha innescato una tremenda carambola che ha visto coinvolti altri quattro piloti. Momenti di paura con le moto che hanno travolto il centauro del Bester Capital Dubai e, a volare a terra, sono stati Enea Bastianini, Nicolò Bulega, Aron Canet e Ayumu Sasaki. I due piloti riminesi sono stati così costretti a ritirarsi ma, per tutti quelli coinvolti, non ci sono state ripercussioni fisiche.

Dopo l'incidente si è aperta la lotta tra Bezzecchi e Della Porta, che si sono alternati alla testa della corsa, inseguiti dal gruppo con Jorge Martin, Di Giannantonio e Rodrigo. A 8 giri dalla fine il gruppo compatto è di 5 piloti che continuano a scambiarsi le posizioni a ogni staccata fino al penultimo giro quando Bezzecchi cade. Per il pilota riminese un high side alla curva 14 con la Ktm che lo disarciona mandandolo nell'erba. Il primo a passare sotto la bandiera a scacchi è Dalla Porta seguito da Martin e Di Giannantonio.

"Dispiace molto - ha commentato amaramente Bastianini - davanti al pubblico di casa volevo fare bene. Non capisco perchè al secondo giro si debbano fare queste cose. Ho provato a frenare ma si è trattato di una frazione di secondo e non sono riuscito ad evitare gli altri piloti. All'inizio bisogna fare attenzione altrimenti si rischia di farsi male".  "Sicuramente un peccato, perchè mi sentivo bene sulla moto - ha aggiunto Bulega. - E' stato un buon weekend per noi. Sono un po' arrabbiato, perchè potevamo fare una bella. Si possono evitare queste cose nella prima parte e prendere inutili rischi. Buttare la gara di casa per colpa di qualcun'altro è brutto. Aspettavo questo appuntamento da un anno ed è un gran peccato".

"Cosa dovrei dire della gara? - si domanda Bezzecchi. - La vittoria era a portata di mano, sono deluso dal fatto che sono caduto di nuovo nelle fasi finali della gara, ora mi concentrerò sulle cose positive del weekend e lavorerò sodo per il prossimo appuntamento. Non è stato facile mantenere il comando perché anche gli altri piloti erano molto forti, la prossima gara ad Aragon attaccherò di nuovo". Soddisfatto Antonelli, che ha raccontato così il suo gran premio di casa: "La partenza è stata subito condizionata da un contatto con Suzuki che sembra non capire che sono il compagno di squadra. Ho perso almeno 4-5 posizioni al secondo giro. Poi la caduta collettiva causata da Masia' ha tolto definitivamente ogni possibilità di lattare per le primissime posizioni. Ma c'ero, ho girato forte e recuperato fino alla top ten. Sono contento per il ritmo che ho tenuto, la moto mi piaceva, ripartiamo da qui".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fermato tre volte in un giorno: "Voglio godermi la vita, tanto le multe non le pago"

  • Calano ulteriormente i nuovi contagi, meno ricoverati in terapia intensiva

  • Lavoratori edili in stop forzato, imprese in prima linea per affrontare l'emergenza

  • Mascherine gratuite, ecco la mappa della distribuzione

  • Borrelli allunga la quarantena fino al primo maggio: "Fase 2 forse dal 16"

  • Droga party nel garage per combattere la noia della quarantena

Torna su
RiminiToday è in caricamento