Moto3, sulla pista di Jerez Andrea Migno sfiora il podio

Il Mig di Saludecio si è dovuto accontentare della quarta posizione al termine di una gara che lo ha visto sempre nella scia dei più forti

In Moto3 a Jerez la spunta Albert Arenas, dopo una gara come di consueto serrata e decisa all'ultima curva. È lì che lo spagnolo della Ktm del team Angel Nieto trova il guizzo giusto per precedere sul podio il giapponese Ogura, 2°, e Tony Arbolino, 3° dopo una gara valida, condotta sempre nelle posizioni nobili e da cui poteva forse ottenere qualcosa di più. Anche per il pilota della Honda Snipers ha deciso l'ultima curva dove è entrato in contatto con Celestino Vietti, infilatosi all'interno, e poi con John McPhee, caduto in uscita a pochi metri dal traguardo dopo aver cercato, in entrata, la staccata per giocarsi la vittoria. Ai piedi del podio i due compagni con la Ktm del team Sky, con Andrea Migno 4° e Celestino Vietti 5° a precedere Raul Fernandez e Gabiel Rodrigo. 8° posto per Tatsuki Suzuki, scattato dalla pole, ma mai veramente in lotta al vertice, davanti a Niccolò Antonelli e Jaume Masia. Scivolato al penultimo giro Darryn Binder a lungo in lotta nelle prime posizioni per giocarsi la vittoria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il quarto posto, in volata, lascia chiunque con l’amaro in bocca - ha commentato Migno. - Detto questo sono contento del lavoro fatto, ma in gara è mancato qualcosa per riuscire a stare li davanti. Abbiamo qualche giorno per sistemare le cose e tornare competitivi. Grande Luca (Marini, ndr) ha fatto un garone e che peccato per Marco (Bezzecchi, ndr)". "Non sono abituato a cercare giustificazioni, ma la caduta di venerdì mi ha causato molti problemi, una distorsione alla caviglia e una gran botta al piede, quello sinistro dove c’è il cambio - commenta Antonelli -. È stata durissima ma di grande impatto per me perché ho corso facendo tanta fatica. Le nostre gare sono sempre una gran bagarre, sopratutto nei giri finali ed è li che ci dobbiamo far trovare pronti. Se penso che non ho fatto praticamente i test, mi rendo conto che dobbiamo trovare ancora la quadra con la moto nuova, ma con Marco Grana ci stiamo lavorando sodo. Sono orgoglioso del risultato e questa gara deve essere un punto di partenza. Ora farò dei controlli. Sicuramente staremo meglio per la prossima gara il prossimo weekend".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro bambini piccoli lasciati soli in casa, intervengono vigili del fuoco e polizia

  • Schianto auto-moto all'uscita del sottopassaggio, gravissimo il centauro

  • Assembramenti e norme anti-Covid, imposta la chiusura di 5 giorni alla discoteca

  • Notte Rosa, il Samsara anticipa la chiusura per evitare assembramenti: "Non possiamo permetterci multe"

  • Il weekend si tinge di Rosa con un mare di concerti, spettacoli, degustazioni e cabaret

  • Coronavirus, nuovo decreto in arrivo: le regole e cosa cambia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento