Moto3 test Jerez, l'esordiente Nicolò Bulega si conferma il migliore

Il rookie dello Sky Racing Team Vr46 ha lasciato tutti gli avversari dietro gli scarichi della sua Ktm

Si chiude il primo test ufficiale IRTA della stagione sulla pista andalusa e, a lasciare tutti gli avversari dietro gli scarichi della sua Ktm dello Sky Racing Team Vr46 è stato il pilota esordiente Nicolò Bulega. Il rookie di San Clemente ha terminato la tre giorni di prove al primo posto con uno straordinario risultato. Nonostante la nebbia che ha impedito l’accesso in pista durante la prima sessione di prova del mattino di venerdì, a Jerez de la Frontera lo sviluppo della nuova Ktm dello Sky Racing Team VR46 ha regalato buone le sensazioni raccolte in pista con Bulega che, insieme al compagno di squadra Andrea Migno di Saludecio, parte alla volta del Qatar dopo un più che positivo epilogo in Andalusia. Bilancio positivo anche per Andrea Migno, che ha sfruttato questo test per trovare il giusto assetto di base in vista del Qatar. Con il buon 1.47.021 di giovedì è decimo nella classifica complessiva dei tre giorni. Ottimo esordio anche per Nicolò Bulega: capofila nella prima giornata, con il suo 1.46.539 di venerdì è terzo nella combinata.

"Sono molto contento di aver chiuso il mio primo test nel Mondiale al terzo posto complessivo - ha commentato Bulega. - E’ una grande iniezione di fiducia in vista del Qatar dove l’obiettivo è adattarsi il prima possibile alla nuova pista che non conosco. Oggi, nonostante il vento, ho staccato il mio migliore e sono quindi fiducioso di poter fare ancora un passo in avanti a Doha". "Nel complesso sono soddisfatto - ha aggiunto il compagno di squadra Migno anche se il mio obiettivo era l’1.46. Abbiamo lavorato bene e sono riuscito a fare ancora uno step in avanti. Vado in Qatar con un po’ di amaro in bocca, ma anche motivato a dare il massimo"

La nebbia e il vento nel pomeriggio hanno causato non pochi problemi anche per il cattolichino Niccolò Antonelli, del team Ongetta Rivacold il quale ha dovuto cambiare i programmi prefissati riusciendo a sfruttare soltanto due delle tre sessioni previste. Ottima prestazione, anche venerdì, per #nicco23 che chiude la giornata con il crono di 1"46.749, conquistando il secondo tempo nell'ultima sessione e il quarto nella classifica combinata finale, a soli 0.105s dalla vetta. Archiviata la tre giorni in Andalusia, il cattolichino è già proiettato al prossimo appuntamento in Qatar per l'ultimo test pre-campionato, in programma dall'11 al 13 Marzo sul circuito di Losail, una settimana prima dell'inizio del Campionato del Mondo. "Venerdì le condizioni della pista non erano molto favorevoli - ha spiegato Antonelli. - Questa mattina non abbiamo potuto girare a causa della nebbia e, nel pomeriggio, abbiamo preferito optare per una simulazione di gara. Abbiamo continuato a provare alcune cose anche se poi si è alzato il vento che ha reso tutto il lavoro un po' più faticoso. Siamo comunque soddisfatti, abbiamo girato forte e il passo è buono ma, nei prossimi test in Qatar, cercheremo di migliorare ancora".

Poche le soddisfazioni per Enea Bastianini, Gresini Racing Team Moto3, che ha passato gran parte dell’ultima giornata di test IRTA a Jerez nei box: dopo la nebbia che ha consigliato di non scendere in pista nel primo turno mattutino, il 18enne riminese ha infatti percorso soltanto 7 giri nella seconda delle tre sessioni odierne, prima di fermarsi infastidito da un forte raffreddore. Nonostante un’ultima giornata poco produttiva, il bilancio generale dei test è comunque positivo per Bastianini, che ha lavorato molto su vari aspetti del set-up della sua Honda, rimanendo sempre tra i più veloci in pista in tutti e tre i giorni, nonostante non abbia mai cercato un giro veloce al limite. “È stata una giornata un po’ strana - l'amaro commento di Bastianini.Al mattino non c’erano buone condizioni meteo per girare, poi è spuntato il sole, ma dopo aver percorso qualche giro nel secondo turno ho preferito fermarmi perché non mi sentivo molto lucido. Ho un forte raffreddore che mi infastidisce e non ho voluto rischiare, anche perché nei primi due giorni siamo stati in grado di svolgere il lavoro che avevamo in programma. Tutto sommato sono soddisfatto di questi test, anche se in realtà non c’è mai stata l’opportunità di compiere un giro al limite: nei test, comunque, serve a poco. Sono contento della moto e di come sta lavorando la squadra e anche se dobbiamo migliorare ancora in alcuni punti, sono convinto che negli ultimi test a disposizione in Qatar riusciremo a trovare delle buone soluzioni per arrivare pronti al primo Gran Premio!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Autobus sorpassa gruppo di ciclisti, rovinosa caduta per un corridore amatoriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento