MotoGp a Misano, Rossi: "Nel 2021 al 99% con Petronas". Dovi: "Col nuovo asfalto andrà meglio"

Non c'è il solito caos che anima il retrobox, con giornalisti a caccia di scoop e ospiti alla ricerca di autografi e selfie con piloti. E' la legge che impone il covid-19

Insolita vigilia al paddock del Misano World Circuit "Marco Simoncelli", teatro questo weekend del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini. Non c'è il solito caos che anima il retrobox, con giornalisti a caccia di scoop e ospiti alla ricerca di autografi e selfie con piloti. E' la legge che impone il covid-19. E così la conferenza stampa che anticipa le prime libere è un'esclusiva solo online o in tv. In sala stampa tra gli altri Fabio Quartararo, leader di campionato con tre punti di vantaggio su Andrea Dovizioso.

"Onestamente è ancora difficile credere che dopo tre brutte gare siamo ancora in testa al campionato - esordisce il portacolori del team Petronas -. È pazzesco. Sono felice di essere qui a Misano, l'anno scorso è andato molto bene, il ritmo era buono e ho lottato per la vittoria fino all'ultimo giro. Sono fiducioso perché è una pista che mi piace, ma vediamo. Sicuramente darò il massimo lottare per la vittoria e il podio". Dopo la doppia vittoria di Jerez, il francesino ha incontrato problemi prima a Brno e poi a Spielberg: "In Austria abbiamo faticato molto, mentre la pista di Misano si adatta alla moto meglio dell'Austria. Dovremo fare dei cambiamenti sull'elettronica".

Sul tracciato di Misano si correrà due volte in sette giorni: Quattro giorni tra una gara e l'altra sono sufficienti per recuperare", evidenzia Dovizioso. L'incognità sarà il nuovo asfalto: "Creerà situazioni completamente diverse con le nuove gomme, quindi non so come andrà - sottolinea il pilota della Ducati -. Penso che sarà migliore dell'anno scorso per noi. Abbiamo faticato fin dal primo giro del test, rendendoci conto che non eravamo competitivi. Quest'anno, come ogni anno, sarà diverso".

Vigilia meno "stressante" degli altri anni per Valentino Rossi: "E 'sempre speciale correre a Misano, vivo a 10 chilometri da qui e sono cresciuto su questa pista. Sarà un appuntamento speciale, perchè finalmente ci saranno anche dei tifosi (10mila per ogni giorno, ndr). Penso che sia un piccolo passo verso la normalità". Il 46 è ottimista: "Veniamo dall'Austria, che non è la nostra pista migliore. A Misano sulla carta possiamo essere più competitivi. Lo scorso anno le Yamaha erano forti, quindi possiamo lottare per il podio". Il "Dottore" ha parlato anche del suo futuro: "Con Yamaha siamo davvero vicini a chiudere. L’anno prossimo al 99% sarò con Petronas. Forse a Barcellona ci sarà l’annuncio".

Torna in pista questo weekend anche Francesco Bagnaia dopo l'infortunio subìte nelle libere del sabato del Gran Premio della Repubblica Ceca, a Brno. "Ho trascorso molto tempo in palestra per prepararmi al rientro qui. Non sono al 100%, ma comunque sto abbastanza bene. Il venerdì servirà per capire effettivamente le mie condizioni - afferma il portacolori della Ducati del team Pramac -. Spero che possa essere un weekend positivo: la moto funziona bene su questa pista ed il nuovo asfalto è meglio del vecchio". Sul futuro: "Sono contento di continuare con Ducati, in quale team lo scopriremo".

Riflettori puntati anche su Miguel Oliveira, vincitore del Gran Premio della Stiria alla Red Bull Ring con la Ktm del team Tech 3: "Dopo una vittoria c'è un click mentale e la motivazione è molto alta. Questo periodo di pausa mi è servito per rendermi conto di aver vinto". Ambizioni positive anche per il round rivierasco: "Nei test svolti abbiamo raccolto tanti dati, saremo pronti alla sfida".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Moto2 Luca Marini arriva da leader del campionato. Non ci sarà il diretto rivale Jorge Martin, risultato positivo al covid: "È uno dei piloti più rapidi e volevo batterlo in pista. Un augurio a lui, speriamo torni presto". Sul weekend: "Spero di essere competitivo sin dalle prime libere. In questa categoria è importante che tutto funzioni bene fin da subito. L'approccio sarà sempre lo stesso, a prescindere dalla leadership del campionato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi torna a Rimini, fan scatenati: pioggia di autografi e selfie

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Vede la Polizia e si catapulta fuori dall'auto in corsa: raggiunto dopo un'estenuante fuga per i campi

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento