menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marco Simoncelli alle prese con i fornelli

Marco Simoncelli alle prese con i fornelli

MotoGp a Misano, Simoncelli va forte anche ai fornelli

La V edizione del Dedikato, la serata di spettacolo, sport e charity in memoria di Dajiro Kato che si tiene a Portoverde di Misano Adriatico, si chiuso con un 'piadina contest' tra Romagna e Puglia

La V edizione del Dedikato, la serata di spettacolo, sport e charity in memoria di Dajiro Kato che si tiene a Portoverde di Misano Adriatico, si chiuso con un 'piadina contest' tra Romagna e Puglia, ovvero tra Marco Simoncelli e Michele Pirro, a sua volta consigliato da un 'cicerone romagnolo' come Mattia Pasini. Il Dedikato è anche questo. I due piloti hanno impastato, tirato al mattarello e cotto sulla teglia la classica piadina romagnola infiammando Piazzale Colombo.

Ad assistere alla manifestazione erano in circa 4500. Super Sic ha dimostrato di essere un vero romagnolo doc, proponendo una piadina a regola d'arte; Pirro ha rilanciato la sfida a base di orecchiette. All'evento promosso dal Comune di Misano, organizzato da Misano Eventi in collaborazione con il Team San Carlo Honda Gresini e il patrocinio di Dorna, Irta, Provincia di Rimini, Misano World Circuit, Repubblica di San Marino, ha partecipato anche l'intera Redazione motori Sport Mediaset che ha presentato in anteprima nazionale il libro 'Giù da Gara' che raccoglie gli ultimi 10 anni di Motomondiale ed i cui proventi saranno devoluti a Mediafriends, che finanzierà le missioni di Canguro Flights Aid, l'aereo ospedale acquistato 2 anni fa grazie a Fabbrica del Sorriso.

I 430 libri portati per l'occasione a Portoverde da Guido Meda, Giorgio Terruzzi, vicedirettore Sport Mediaset, sono andati letteralmente a ruba, merito anche dell'ampia disponibilitàdi Meda che li ha firmati e dedicati uno a uno. Il talk show, che fa parte del Misano World Weekend e di Motogweek, la settimana di eventi ufficiali del Gran Premio Aperol di San Marino e della Riviera di Rimini, per il secondo anno consecutivo è stato condotto da Franco Bobbiese, volto della trasmissione di Italia 1 'Fuori Giri'.

Durante la serata è stata lanciata l'asta dei numerosi cimeli messi a disposizione dai piloti, i cui ricavi confluiranno assieme a quelli ottenuti dalla vendita delle t-shirt ufficiali della serata, realizzate a tiratura limitata da Aldo Drudi in favore della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica. Verrà battuto all'asta anche il casco Dedikato 2011, aerografato da Andrea Crisione e autografato dai piloti del motomodiale. Questo è il terzo anno della collaborazione e nei due anni precedenti sono stati raccolti oltre 40 mila euro. Giuseppe Zanferrari, direttore di gestione della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica ha ricordato che in Italia ci sono 3 milioni di portatori sani, la ricerca rimane dunque la via principale su cui investire per giungere a cure che possano salvare migliaia di vite umane.

Un ricordo speciale, in memoria di Kato, che amava Portoverde, località in cui aveva scelto di abitare e Shoya Tomizawa ha aperto la manifestazione. Commovente la lettera scritta dal dottor Costa, il medico dei piloti, che lo scorso anno cercò invano di salvare il giovane pilota nipponico morto durante la gara di Moto2. Il casco del Dedikato 2010 non fu messo all’asta come segno di rispetto per la tragica scomparsa di Tomizawa, ma consegnato in forma privata dalla Misano Eventi, dai promotori e dal Comune di Misano ai famigliari dello sfortunato pilota.

Questa edizione è stata caratterizzata dalla presenza dei giovani talenti italiani, molti dei quali provenienti proprio dalla Romagna come Luca Marini, di Tavullia fratello di Valentino Rossi che corre nel campionato Mini Gp 80 vincendo 4 gare su 4, Nicolò Bulega, di San Clemente che corre in MiniGp Classe Junior 50 e ha vinto 6 gare su 8, Niccolò Antonelli di Cattolica e Luigi Morciano primo nel Campionato italiano velocità classe 125.

Oltre ai giovanissimi, hanno confermato la loro simpatica e preziosa presenza Yuki Takahashi, Mattia Pasini assieme all'amico inseparabile Andrea Cassol, in arte Capitan Ventosa, Marco Simoncelli, Michele Pirro e Toni Elias che ha affermato: “Misano è la mia seconda casa, qui ho amici e persone a cui sono affezionato come i tecnici della scuderia di Fausto Gresini che lo scorso anno mi hanno consentito di vincere il campionato del mondo di Moto2”. A Toni Elias, il presidente della Misano Eventi, Luigi Bellettini ha consegnato il premio realizzato da Misano Eventi per il Gran Galà organizzato lo scorso inverno a Misano, ma saltato a causa della copiosa nevicata abbattutasi sulla Romagna.

Quest’anno si è stato un anno ricco di festeggiamenti: la quinta edizione del Gran Premio  di San Marino e della Riviera di Rimini, che si correrà a Misano per altri 5 anni, i 150 anni della Federazione Motociclistica Italiana e i 500 anni del Comune di Misano, per questo motivo il primo premio della serata è stato il 'Misano 500', consegnato dal sindaco di Misano Adriatico, Stefano Giannini a Roberto Locatelli, responsabile del team Italia impegnato nel mondiale. Fausto Gresini, invece ha consegnato il premio 'Dedikato' a Giorgio Terruzzi, per quanto in questi dieci anni Mediaset ha svolto facendo salire il gradimento del pubblico verso la Motogp. Da sport per tecnici a sport per tutti. Il Premio 'Sgana' il più simpatico dei tre, che solitamente viene dato ad un tecnico del paddock, è stato consegnato dall'Assessore al Turismo di Misano, Claudio Baschetti al 'Maestro dei paddok': Carlo Pernat.

A rendere frizzante l'atmosfera ci ha pensato il duo istrionico di Max e Bruno dei Fichi d'india tra esilaranti gag di repertorio e battute estemporanee su Misano e il mondo dei piloti. L'appuntamento da non mancare è di sabato con la giornata conclusiva del Misano World Weekend a Misano Mare. Tutto ruoterà attorno al Villaggio motori compreso tra via Romagna e il piazzale antistante le Poste. Dalle ore 17 si assisterà all'esposizione di Vespe d'epoca ed esibizione di gimcana in via Romagna, in piazzale delle Poste sino alle 23 si terranno corsi per minimoto con istruttori professionisti della Federazione Italiana Motociclistica e dal cielo scenderanno in picchiata i paracadutisti del Team Turbolenza con uno show a sorpresa ricco di adrenalina

Alle 18 avranno inizio le prove di qualifica per la gara di Flat Track che si terrà alle 21 nel circuito sterrato posto a pochi passi dal lungomare di Misano. 20 piloti si contenderanno la vittoria del I° Trofeo Misano 500, gara ufficiale organizzata dal Motoclub Montesanto in collaborazione con Misano Eventi. Special Guest Graziano Rossi, papà di Valentino. Alle 23 premiazione dei vincitori delle gare di Flat Track e Speedway che si correranno nella serata di venerdì ed a seguire grande spettacolo di fuochi d'artificio.

WAINE RAINEY DI NUOVO A MISANO, 18 ANNI DOPO – Il venerdì di Misano nell’attesa di Wayne Rainey, il pilota americano tornato a Misano a 18 anni dall’incidente da cui rimase paralizzato. Rainey, testimonial della Yamaha che festeggia i suoi 50 anni, è nato a Los Angeles nel 1960 ed è stato 3 volte campione del mondo nella classe 500. Anche nella stagione 1993 era in testa  al mondiale quando, a tre gare dal termine, rimase vittima di un grave incidente riportando la frattura della colonna vertebrale e la conseguente paralisi alle gambe.

Seppure menomato dal grave infortunio, Rainey tentò di reagire a questa situazione correndo il campionato del mondo dei go-kart disputato nel nord della California. Quale riconoscimento e memoria del motociclismo statunitense, una curva del circuito di Laguna Seca è intitolata a suo nome. Rainey resta nella memoria di tutti gli appassionati come uno dei più grandi del motociclismo e oggi attrae simpatia per la sua serenità e passione immutata per lo sport delle due ruote. Intenso e caloroso l’abbraccio ricevuto a Misano World Circuit

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento