Sport

Primo brindisi del nuovo anno per la Dany Riccione che supera il Party & Sport Ozzano

Subito riscattato il ko di Budrio chiudendo il girone di andata con una preziosa vittoria nella corsa ai playoff

Primo brindisi del nuovo anno per la Dany Riccione che dopo una lunga battaglia supera il Party & Sport Ozzano (96-85 all’overtime) riscattando subito il ko di Budrio e chiudendo il girone di andata con una preziosa vittoria nella corsa ai playoff. La palestra di via Forlimpopoli continua a rappresentare un vero e proprio punto di forza per la squadra di coach Maurizio Ferro che però contro i bolognesi ha rischiato di veder sfumare un successo tanto meritato quanto parso in cassaforte per almeno metà gara. I Dolphins infatti partono forte e mettono subito sotto l’Ozzano rifilando agli ospiti un gap di 8 punti alla prima sirena. Ma le cose vanno ancora meglio nel secondo periodo con l’attacco biancazzurro in serata di grazia soprattutto da sotto e il vantaggio che si dilata fino al +12 all’intervallo. Partita in discesa? Non è affatto così perché al rientro dagli spogliatoi il Party & Sport Ozzano mostra una faccia diversa mentre la Dany paga il fatto di aver inconsciamente alzato il piede dall’acceleratore. E così i bolognesi (con un super Miceli) cominciamo a ridurre lo svantaggio (-6 alla terza sirena) fino a ribaltare addirittura il punteggio, tanto che a 4 secondi dalla fine la sorte per Riccione sembra segnata sul 78-79.

Un fallo antisportivo su Mazzotti manda il play in lunetta per la possibile vittoria al fotofinish ma arriva “solo” il pari e di conseguenza il tempo supplementare. L’inerzia però è ormai tornata tra le mani biancazzurre, due triple di Ambrassa (dopo una serata non esattamente positiva dalla lunga) scavano il nuovo solco che l’Ozzano non è più in grado di colmare e la Dany può festeggiare il ritorno alla vittoria. Notte magica per De Martin e Brattoli, autentici trascinatori: 30 punti (e 15 rimbalzi) per il capitano con un sontuoso 14/19 dal campo, 27 per l’ala con 12/19 da due. Unici nei della serata per i ragazzi di Ferro il 23% nel tiro da tre (8/35) e i troppi errori dalla lunetta (12/23). Un’altra buona notizia arriva dal mercato. Dopo l’infortunio che ha messo ko Stefano Curcio per tutto il resto della stagione, il presidente biancazzurro Stefano Barosi ha trovato l’accordo con Marco Amadori, classe 1989, lo scorso anno in C Gold a San Marino e già con i Dolphins per 3 stagioni, compresa quella della promozione dalla D alla C. La guardia ha una buona esperienza, anche in serie B con la maglia di Rimini. I Dolphins saranno di scena ancora sul parquet di casa venerdì prossimo (ore 21) contro la Scuola Basket Ferrara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo brindisi del nuovo anno per la Dany Riccione che supera il Party & Sport Ozzano

RiminiToday è in caricamento