Sezione Judo Polisportiva Riccione: doppio oro e ottavo posto per società a San Marino

La sezione judo della Polisportiva ha partecipato con 15 bambini, che hanno dato prova della loro abilità aggiudicandosi 5 primi, 6 secondi e 4 terzi posti

Un sabato pomeriggio di emozioni per la sezione Judo della Polisportiva Riccione. Le due giovanissime atlete Cecilia Tencati e Lucrezia De Paoli hanno dimostrato grande tempra e preparazione tecnica e atletica, tanto da diventare assolute protagoniste delle rispettive categorie di peso ed età al 4° Torneo internazionale Repubblica Di San Marino. Cecilia (classe 2002) Esordiente B cintura gialla, gareggia nella categoria -40 kg e ha superato due incontri, vinti grazie alla sua agilità e a una serie di lavori tecnici che gli insegnati della Polisportiva hanno studiato appositamente per le sue caratteristica fisiche. Lucrezia (classe 2003) è una Esordiente A che gareggia nella categoria +63 kg: anche lei ha vinto due incontri mettendo in pratica quanto studiato nel corso degli allenamenti.

“Siamo contenti del risultato – dicono gli insegnanti tecnici della Polisportiva - anche perché le ragazze stanno dimostrando una certa continuità sia in allenamento sia in gara. Inoltre, la Polisportiva Riccione ha maturato un ottavo posto per società su 24 partecipanti, piazzandosi seconda per numero di medaglie d’oro (solo alla Rappresentativa Lombardia ha fatto meglio conquistandone 8).  
Domenica 8 sono continuate le emozioni, ma soprattutto il divertimento, con i giovanissimi pre-agonisti (dai 6 agli 11 anni). In questa fascia di età la manifestazione ludico-motoria è stata aperta anche ai maschietti. La sezione judo della Polisportiva ha partecipato con 15 bambini, che hanno dato prova della loro abilità aggiudicandosi 5 primi, 6 secondi e 4 terzi posti.

Ottima prova a conferma delle loro capacità per le medaglie d’oro Anita Celli (classe 2008) e Filippo Marzaloni (classe 2007). Sono stati invece, una piacevole sorpresa Bruno Ialeggio (classe 2009) e Tommaso Iaccheo (classe 2008): entranbi si sono aggiudicati il miglior risultato della loro pool, vincendo tre incontri. L’ultimo oro se lo è aggiudicato Morgana De Paoli (classe 2005) che è ormai una delle allieve più esperte del gruppo riccionese. Da applausi anche le 6 medaglie d’argento conquistate da Mattia Gianetto (classe 2008), Matteo Caramuscio (classe 2008), Filippo De Paoli (classe 2007), Davide Albertini (classe 2007), Alessandro Righetti (classe 2008) e Davide Donati (classe 2004). Tutti hanno vinto uno o due incontri perdendone solamente uno.

“Sono stati bravi – spiegano i tecnici - cedendo solo ad avversari effettivamente più esperti, riuscendo anche a superarne alcuni. Il caso più eclatante quello di Davide Albertini, cintura bianco/gialla (di poco superiore al livello più basso), che dopo aver perso il primo incontro, ha combattuto contro una cintura arancio/verde e dopo due minuti di dura battaglia in cui è riuscito a domare l’avversario, ha conquistato i tempi supplementari (che nel judo si chiamano “Golden Score”) per poi schienare l’avversario”.

Invece, il capitano dei pre-agonisti Davide Donati è stato protagonista di due incontri avvincenti. Il primo lo ha visto superare per pochi punti un ostico avversario della provincia di Ancona, rischiando in diverse occasioni di perdere, dopo aver più volte schienato l’avversario con delle azioni tecniche che, vista la fascia di età e il regolamento vigente di “judo protetto”, l’arbitro ha preferito non valutare. Il secondo incontro, è stato un susseguirsi di attacchi fra i due contendenti. L’avversario pugliese di Donati ha fatto di tutto per portare a suo favore l’incontro. Donati, nonostante l’aggressività dell’avversario, ha mantenuto grande sangue freddo, riuscendo ad applicare una tecnica di contro colpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Purtroppo per Donati l’arbitro non gli ha assegnato il meritato punto, in quanto la tecnica è stata eseguita dopo il segnale del gong e pertanto ha dato la vittoria al pugliese, che effettivamente aveva attaccato di più. Sofia Longo (classe 2009), Emanuele Foschi  (classe 2009), Giuseppe Onorato (classe 2007) e Celeste Maccioni (classe 2008), si sono dovuti accontentare del gradino più basso del podio. ” In particolare Celeste ed Emanuele,fra i meno esperti del gruppo, - concludono gli istruttori tecnici - hanno dato un’ottima dimostrazione e pur perdendo tutti gli incontri, hanno dimostrato una buona progressione, migliorando la prestazione fra il primo e l’ultimo combattimento”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento