Superbike, Phillip Island amara per Rinaldi. Steso da Haslam: "Potevo chiudere nella top five"

La gara sprint è stata vinta dal Cannibale Jonathan Rea, all'89esimo sigillo all'indomani del ko in Gara 1

C'è delusione sul volto di Michael Ruben Rinaldi dopo la domenica di Phillip Island, teatro del round d'apertura del mondiale Superbike. Nella Superpole Race il santarcangiolese è stato in grande spolvero; fin dalla partenza è stato aggressivo, riuscendo a trovare il varco giusto per recuperare diverse posizioni. In 10 giri si è scambiato sorpassi e controsorpeassi con Cortese, Fores, Haslam e Scheib, riuscendo a concludere nono, in volata con l’inglese della Honda HRC.

Per quanto riguarda Gara 2, Rinaldi è finito a terra dopo un contatto con Haslam. L'inglese si è scusato dicendo che gli è entrata la folle in staccata e non avrebbe potuto fare nulla per evitare l’incolpevole Michael, finito a terra. L’italiano ha cercato di riportare la sua Ducati al box dove il Team l’ha riparata velocemente. Non è stato, però, sufficiente per poter completare il 75% di gara. Un peccato aver perso una grande occasione.

"Il weekend è stato positivo, eravamo pronti per Gara 2, dopo aver migliorato rispetto alla prima manche. Infatti, ero subito nel gruppetto dei primi con facilità ed in gestione - afferma Rinaldi -. Si pensava di fare una bella gara, però alla curva 10 Haslam mi ha infilato; quando l’ho visto ho provato a rialzare la moto però lui è andato e mi ha portato via l’anteriore. Non ho potuto fare niente e sono caduto. Sono davvero dispiaciuto perché avevamo un gran passo e, guardando il ritmo degli altri, la top 5 era alla nostra portata. Sicuramente ci rifaremo in Qatar, ma questa era un’occasione che è sfuggita non per colpa nostra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La gara sprint è stata vinta dal Cannibale Jonathan Rea, all'89esimo sigillo all'indomani del ko in Gara 1. Il campione del mondo della Kawasaki si è imposto davanti al vincitore di Gara 1, Toprak Razgatlioglu (Yamaha) per appena 67 millesimi e a Scott Redding (Ducati). Nella manche pomeridiana è stato a sorpresa Alex Lowes ad imporsi sul compagno di squadra Rea, per soli 37 millesimi. A completare il podio il solito Redding. Ritirato Razgatlioglu dopo esser rimasto senza benzina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

  • L'hotel non rispetta le norme anticontagio: scatta la chiusura e una maxi multa

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Riempie di botte la compagna, i vicini chiedono aiuto per fermare la violenza

  • Addio a Luigi Battelli, il noto albergatore ucciso dal coronavirus

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento