menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tanti iscritti per il Gran Fondo Cicloturistica Mareterra Verdeblu

Un grande successo quello registrato dalla nona edizione della "Granfondo Mareterra Verdeblu" che ha segnato un incremento di oltre il 25% di iscritti rispetto alla manifestazione dell'anno precedente

Un grande successo quello registrato dalla nona edizione della “Granfondo Mareterra Verdeblu” che ha segnato un incremento di oltre il 25% di iscritti rispetto alla manifestazione dell’anno precedente. Complice l’ottima organizzazione e la varietà dei percorsi offerti, non si è fatta attendere l’adesione dei tanti pedalatori che aspettavano l’evento di Bellaria Igea Marina per affrontare il primo grande appuntamento cicloturistico romagnolo.

Una varietà di percorsi riassunti in tre itinerari realizzati in perfetta sincronia con una manifestazione che fedele al proprio nome, intende esaltare tutte le peculiarità di un territorio eterogeneo che si estende dal Mar Adriatico sino agli splendidi rilievi collinari uniti tra loro da una pianura sempre prodiga nel regalare un’infinità di prodotti. Più che opportuno pertanto lo slogan coniato per l’occasione: “Bellaria Igea Marina, creatori di emozioni” presente nei vari stand allestiti all’interno di Piazza Matteotti, assoluto epicentro dell’evento che dopo la partenza avvenuta con metodo “alla francese” intorno alle ore 7.00, ha visto susseguirsi tutta la serie degli arrivi che si sono protratti oltre le ore 13.30.
 
La salita della “Ciocca” che porta a Sogliano al Rubicone, la città del formaggio di fossa, Barbotto, salita resa celebre dalla “Nove Colli” e Massamanente, le asperità più significative dei tre percorsi. Quello corto (64 Km) presentava un dislivello di 360 metri. Il percorso medio che prevedeva la distanza di 83 km, raddoppiava quasi le difficoltà altimetriche (685 metri). Il percorso lungo di 111 km rappresentava – considerato l’inizio di stagione – una prova assolutamente impegnativa. 1386 metri il dislivello totale diluito tra tre asperità, con la salita del Barbotto (534 metri slm) ritenuto a giudizio unanime, come il punto più ostico del percorso.
 
L’inverno particolarmente rigido caratterizzato da abbondanti nevicate che avevano colpito particolarmente la terra romagnola, non erano state certamente di aiuto e di particolare stimolo per le uscite dei vari cicloamatori, sempre attenti a presentarsi in ottima forma già nei primi appuntamenti primaverili. I più di mille partecipanti hanno dato invece l’impressione di voler esorcizzare le trascorse avversità atmosferiche. Come se la partecipazione all’evento di Bellaria Igea Marina costituisse una sorta di consacrazione dell’equinozio di primavera. Una sorta di battesimo della nuova stagione. I ricchi punti di ristoro disseminati lungo il percorso e il caratteristico “Pasta party” allestito in Piazza Matteotti hanno contribuito ad arricchire l’aria festaiola della manifestazione.
 
Un’edizione 2012 che ha ribadito l’ottimo sodalizio in essere tra la società organizzatrice ASD MARE TERRA BIKE TEAM e la società VERDEBLU con l’Amministrazione comunale di Bellaria Igea Marina, rappresentata nell’occasione dall’Assessore allo Sport e Vicesindaco Roberto Maggioli. Una sinergia estesa a tutti gli enti territoriali e a tutte le associazioni di volontariato, non ultima la Protezione Civile che aveva assicurato la presenza di personale nei punti più critici del percorso.
 
La cerimonia di premiazione è stata anticipata dal momento toccante della consegna del “Trofeo Ivan Pintabona”.  È stato Umberto Morri, presidente della società VERDEBLU a consegnare questo riconoscimento alla società Fausto Coppi di Cesenatico, quale team più rappresentativo alla cicloturistica. Un’occasione nella quale, approfittando della presenza del papà di Ivan, il Sig. Giancarlo, e della moglie Elisabetta, è stata ricordata la figura di una persona che ha sicuramente contribuito alla realizzazione di un evento che nel corso degli anni ha fatto registrare una crescita costante.
 
Sempre perseguendo la logica delle granfondo non agonistiche che premia le società più rappresentate in relazione dai chilometri percorsi da ciascun atleta (realizzata attraverso il servizio Optipass), è stata elaborata la classifica finale che ha visto primeggiare la Cicli Matteoni di Sant’Ermete che ha realizzato complessivamente 5.623 punti. Davanti alla Fausto Coppi di Cesenatico (4.467 punti) e all’Ecology Team di San Mauro Pascoli (4138 punti).
 
Il prossimo appuntamento del circuito “Romagna Sprint” è previsto per domenica 29 aprile a Castrocaro Terme in occasione della 5a edizione della “Granfondo cicloturistica Maurizio Fondriest”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento