Tommaso Rinaldi firma per la Rbr Basket, un giocatore all'insegna della "riminesità"

L'atleta riminese: "Ho sempre detto che per tornare a casa avrei voluto un progetto importante e stimolante, RBR lo è ed eccomi qua"

Albergatore Pro - Rinascita Basket Rimini è lieta di comunicare di aver sottoscritto un accordo, su base biennale, con l’atleta Tommaso Rinaldi (Rimini, 15 febbraio 1985), centro di 204cm di altezza per 110kg di peso. Tommy, figlio di Rimini, tifoso biancorosso dalla nascita e già in passato protagonista di mille battaglie con la casacca biancorossa, si sposa perfettamente coi must RBR – territorio, passione e identità – e rappresenta non solo un innesto tecnico di assoluto livello per la squadra che affronterà la prossima serie B nazionale ma anche l’ennesima voglia della società di proseguire in quel percorso di riminesità e sinergia con la comunità locale che è alla base di tutto il progetto. Non a caso, l’ingaggio di Rinaldi è stato possibile grazie alla totale sintonia tra il management RBR e la compagine societaria, vero motore di tutto il mondo Rinascita. 

“Tommy riceve un eredità importante - spiega Moreno Maresi, vicepresidente RBR - perché sostituisce nel roster Alberto Saponi che ringraziamo ancora e salutiamo con affetto. Per noi l’avvento di Tommy è un evento importantissimo perché un altro riminese entra a far parte di questa realtà riminese di sport, comunità e affetto/amicizia”. “E’ stata una trattativa lunga ma veloce allo stesso tempo- commenta Davide Turci, direttore sportivo RBR - le idee erano chiare sin da subito. Il raduno sarà giovedì 22 agosto, si preannuncia un girone durissimo con le squadre emiliano-romagnole, marchigiane e abruzzesi ma di una bellezza incredibile, tanti derby e tante sfide che animeranno il Flaminio, la nostra casa, il nostro fortino. Non vediamo l’ora, l’obiettivo è fare bene, entrare nei playoff, ma ci serve l’apporto di tutti”. “Benvenuto Tommy- aggiunge Daniele Sarti, Albergatore PRO - ci siamo già conosciuti e parlati, abbiamo entrambi in famiglia un albergo e quindi lui ha già capito quali sono le incombenze e le priorità…ci vediamo sul campo”.  “So che Tommy è il top player del team- conclude Paolo Maggioli, presidente RBR - restiamo sulla linea che ci siamo dati sin dall’inizio, privilegiando la riminesità di questo progetto, che cresce anno dopo anno e questo ingaggio ne è la dimostrazione. Partiamo per disputare un campionato molto importante, siamo fieri di come i ragazzi della scorsa stagione hanno interpretato il campo, era pertanto giusto confermare la stragrande maggioranza del gruppo che ha vinto la serie C”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sono abbastanza emozionato, è la prima volta che vengo presentato a Rimini - ha dichiarato Rinaldi. - Ho sempre detto che per tornare a casa avrei voluto un progetto importante e stimolante, RBR lo è ed eccomi qua. Ho seguito sin dall’avvio questa nuova avventura, anche se ero un po’ distaccato, in gara1 di finale ho visto al Flaminio 2.500 persone e ciò mi ha riportato a 20-25 anni fa quando anch’io andavo in curva. Entro in un super gruppo, che ha vinto il campionato ed è praticamente lo stesso della scorsa stagione, in punta di piedi perché sono fatto così. Mi piace capire dove sono capitato, nonostante sia la mia città. Sono molto carico, ho già sentito il coach e c’è tanto per divertirsi. Anche a Treviso, dove ho giocato due anni, ho fatto parte di una ‘rinascita’: con le vittorie, l’entusiasmo e la passione si può davvero sognare. Altre offerte? Si, qualcosa c’è stato, avevo la possibilità di restare in A2 ma per motivi familiari dovevo rimanere in un certo raggio chilometrico, siamo andati avanti a parlare, con Davide, per un po’, ma alla fine tornare a casa per un progetto così stimolante e giocare assieme a tutti ragazzi riminesi era la scelta migliore che potessi fare e un motivo di vero orgoglio e responsabilità. Si gioca per la propria città, è meraviglioso. Il ruolo? Ho giocato prevalentemente da ‘5’, a Jesi e a Treviso però anche da ‘4’ fronte a canestro. L’importante è giocare con chi capisce di basket e qui ce ne sono parecchi. Conosco Massimo Bernardi ma non mi ha mai allenato personalmente, così come conosco bene tutti i miei nuovi compagni ma non ci ho mai giocato assieme, qualche volta contro. Il girone mi pare davvero di altissimo livello e lo ritengo un bene, perché quando ci sono solo 3-4 corazzate e le altre non sono a livello si rischia di sedersi. In questo raggruppamento, così forte, ci sarà invece da divertirsi e noi lavoreremo al massimo per fare il meglio possibile”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento